giovedì 27 aprile 2017

Home Spazio Casa Cresce la richiesta di mutui: a febbraio + 32,4%

Prosegue il trend positivo delle domande di mutuo da parte delle famiglie italiane che anche a febbraio fa registrare un bel balzo in avanti rispetto al 2015
Cresce la richiesta di mutui: a febbraio + 32,4%

Anche nel mese di febbraio – secondo quanto riportato da Bussola Mutui-Crif – non si arresta la dinamica positiva della domanda di mutui da parte delle famiglie italiane, con un eloquente +32,4% rispetto lo stesso mese del 2015, che a sua volta si era caratterizzato per un robusto incremento.
Questo quanto emerge dall’analisi della variazione del numero delle domande di mutui raccolte dagli istituti di credito e contribuite in EURISC, il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF che raccoglie i dati relativi ad oltre 78 milioni di posizioni creditizie. La domanda di mutui si è progressivamente consolidata negli ultimi 2 anni e mezzo, trainata anche dalle richieste di surroghe oltre che dalle appetibili condizioni offerte dagli operatori di mercato.

L’importo medio dei mutui richiesti – A fronte di una performance decisamente positiva relativamente al numero di domande presentate agli Istituti, va però sottolineato come persista la tendenza a richiedere valori sempre più contenuti, tanto che l’importo medio richiesto nel mese di febbraio si è attestato a soli 122.497 Euro contro i 124.175 Euro del corrispondente mese del 2015.
Nello specifico, il valore medio richiesto dagli italiani a febbraio ha fatto segnare un recupero rispetto al precedente mese di gennaio, quando si era registrato il minimo storico assoluto da quando CRIF ha iniziato a rilevare sistematicamente l’andamento della domanda di mutui, ma risulta ancora ben lontano dalle rilevazioni precedenti la grande frenata del comparto (ad esempio, nel mese di febbraio 2010 l’importo medio richiesto era stato pari a 140.877 Euro).
A questo riguardo va segnalato come la progressiva riduzione del valore dei mutui richiesti rifletta da un lato le favorevoli condizioni di acquisto degli immobili disponibili sul mercato, dall’altro la consolidata tendenza da parte delle famiglie a privilegiare soluzioni in cui peso della rata incida il meno possibile sul reddito disponibile. Senza dimenticare la crescente incidenza delle surroghe, che per natura si caratterizzano per un importo più contenuto rispetto ai nuovi mutui.

La dinamica appena descritta trova riscontro anche nella distribuzione delle richieste di mutuo per fascia d’importo: la classe in cui si sono maggiormente concentrate le richieste degli italiani è quella compresa tra 100 e 150.000 Euro, con una quota del 29,5% sul totale, seguita da quella compresa tra 0 e 75.000 Euro con il 27,7% (fonte Eurisc).
A conferma della cautela delle famiglie italiane, il Barometro CRIF rileva ancora una volta la preponderanza di richieste di mutui concentrate nelle classi di durata superiori ai 15 anni, che complessivamente assorbono il 66,8% del totale.Questa tendenza conferma la propensione a privilegiare piano di rimborso lunghi, che consentono di ridurre il peso della rata mensile sul reddito disponibile e sui risparmi della famiglia. Il 23,3% dei mutui ha una durata compresa tra 1 15 ed i 20 anni; il 21,2% ha una durata tra 20 e 25 anni;  il 20,4% dei mutui è compreso tra 25 e 30 anni.
Osservando la distribuzione della domanda di mutui in relazione all’età del richiedente, l’ultimo aggiornamento del Barometro CRIF mette in evidenza come anche nel mese di febbraio si riscontri una maggior concentrazione nella classe di età compresa tra i 35 e i 44 anni (con una quota pari al 36,4% del totale). Come prevedibile, complessivamente circa 2/3 delle richieste sono state presentate da under 44.

“Malgrado in Italia solo 4 immobili su 10 vengano acquistati attraverso il sostegno di un mutuo, in questi primi mesi dell’anno la domanda di finanziamenti immobiliari si è mantenuta vivace, confermando un trend positivo che perdura ininterrottamente da quasi 3 anni. D’altro canto – – commenta Simone Capecchi, Executive Director di CRIF – sia il basso livello dei tassi interesse applicati sia prezzi di acquisto ancora appetibili contribuiscono a stimolare il rinnovato interesse delle famiglie ad investire sul mattone. In questo contesto sembra aprirsi una nuova sfida per gli Istituti, che li vedrà impegnati nello sviluppo di idonee strategie commerciali per intercettare e soddisfare la crescente richiesta di mutui da parte delle famiglie. Al contempo, per quanto le politiche di offerta siano diventate più favorevoli, anche a fronte del progressivo ridimensionamento dei tassi di default iniziato ormai da diversi trimestri, non potranno però non rimanere ancora attente al contenimento della rischiosità del comparto”.

4 − tre =
condividi