giovedì 19 gennaio 2017

Home Generali Cultura Scuola: fabbrica di buone pratiche digitali

Oltre 500 fra dirigenti e docenti all'incontro promosso a Perugia da Regione, USR e Villa Umbra per favorire la trasformazione digitale dei territori
Scuola: fabbrica di buone pratiche digitali

Oltre 500 i partecipanti, tra docenti e dirigenti scolastici in rappresentanza delle scuole di ogni ordine e grado presenti nel territorio regionale, all’incontro su “Scuola acceleratore d’innovazione. Fare rete in Umbria per promuovere lo sviluppo digitale” organizzato Regione Umbria, Ufficio Scolastico Regionale e la Scuola di Amministrazione Pubblica “Villa Umbra”.

La Regione Umbria ha dato vita a una community di animatori digitali e membri dei team innovazione delle scuole umbre finalizzata a favorire la trasformazione digitale dei territori, mettere in condivisione buone pratiche infrastrutturali e d’innovazione didattica a livello territoriale.

“Riteniamo – ha sottolineato l’assessore regionale all’innovazione e Agenda Digitale, Antonio Bartolini – che la scuola sia un fattore decisivo di sviluppo per il territorio. In questa fase di crisi economica e di forte trasformazione dei fattori produttivi la ripresa può essere, infatti, intercettata anche attraverso il riorientamento dei modelli di apprendimento in chiave digitale. La scuola può essere portatrice d’innovazione non solo culturale ma anche economica.  Il prossimo 3 febbraio – ha concluso l’assessore – presenteremo nuovi dati e servizi e il progetto di una piattaforma per il governo del territorio”.

Soddisfazione per la sinergia con Regione Umbria e Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica è stata espressa da Sabrina Boarelli, Dirigente Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria: “Il progetto soddisfa due diverse esigenze. Quella di USR Umbria, che intende attivare processi di accompagnamento al Piano Nazionale Scuola Digitale, e quella della Regione Umbria, che vuole far crescere la consapevolezza digitale del territorio in modo da sviluppare le competenze necessarie per usare sistemi, strumenti e servizi dell’Agenda Digitale. Un progetto importante per tutti gli educatori che devono stare al passo con l’innovazione tecnologica e sono chiamati a governare il fenomeno”.

Da gennaio 2017 saranno attivati laboratori sperimentali di innovazione didattica, attraverso l’organizzazione di incontri in presenza sul territorio e lavoro online sulla piattaforma Animatori Digitali dell’Umbria. Una “fabbrica di buone pratiche” che si occuperà della sperimentazione in aula con animatori, team innovazione e docenti, di pratiche di didattica innovativa internazionali che possono essere adattate al territorio oltre che arricchite e ricondivise a seguito di discussione e “prova sul campo”.

sette × 6 =
condividi