mercoledì 28 giugno 2017

Home Eventi Due giorni con 56 Cantine Aperte in Umbria

Presentato ufficialmente il programma della venticinquesima edizione che si terrà sabato 27 e domenica 28 maggio
Due giorni con 56 Cantine Aperte in Umbria

Presentata questa mattina alla Sala Fiume di Palazzo Donini la venticinquesima edizione di Cantine Aperte in Umbria, che si terrà sabato 27 e domenica 28 maggio in 56 cantine della regione, socie del Movimento Turismo del Vino dell’Umbria (in 17 di esse, sabato 27 maggio, si terrà anche la tradizionale cena A Tavola con il Vignaiolo).

All’incontro erano presenti Filippo Antonelli, Presidente del MTV Umbria, l’Assessore all’Agricoltura della Regione dell’Umbria Fernanda Cecchini, l’Assessore comunale al Commercio, Artigianato e Mobilità Cristiana Casaioli e la Vice Presidente di AIRC Umbria Gloriana Giacobello, insieme al giornalista enogastronomico Maurizio Pescari.
A presentare il ricco programma ideato dalle cantine per festeggiare questa venticinquesima edizione di Cantine Aperte è stato il Presidente Antonelli, che ha voluto sottolineare come spesso l’Umbria faccia da apripista per il Movimento nazionale nella costruzione degli eventi. “Molte iniziative partono dall’Umbria per poi estendersi a tutte le altre regioni -ha spiegato- per esempio AIRC ha avviato la collaborazione con Cantine Aperte proprio nella nostra regione e ora è partner nazionale. Allo stesso modo, l’anno scorso abbiamo ideato noi l’evento Cantine Aperte for Wedding per il turismo matrimoniale e da quest’anno sarà un appuntamento nazionale. Tutto ciò -ha concluoso- anche grazie al sostegno delle istituzioni, la Regione in primis che ha messo a disposizione delle cantine strumenti importanti come il PSR e alla collaborazione con operatori del territorio, con i quali MTV Umbria da sempre riesce a fare rete per la promozione turistica dell’intera regione.
Il vino è indubbiamente il prodotto che meglio di tutti racconta un territorio -ha spiegato l’assessore Cecchiniperchè è qualità, è passione e lavoro, è bellezza e, sempre più, anche accoglienza di qualità. Non è un caso che siamo arrivati a festeggiare oggi il venticinquesimo anniversario della kermesse. Le nostre cantine -ha proseguito l’assessore- stanno facendo un lavoro egregio, utile e sinergico per riposizionare l’Umbria sul mercato turistico internazionale. Dopo 25 anni di Cantine Aperte possiamo dire che l’Umbria è cresciuta davvero nella consapevolezza delle proprie caratteristiche e delle proprie ricchezze.”
Per l’Assessore Casaioli, d’altro canto, non vi è dubbio che l’appuntamento con gli wine lovers sia servito da stimolo, anno dopo anno, per gli stessi produttori, per migliorarsi non dal punto di vista produttivo ma dell’offerta collaterale e dell’accoglienza. “Il turismo che mette insieme prodotto e territorio -ha detto- è fondamentale per la promozione e le cantine hanno saputo crescere e ricercare, confrontarsi, per offrire iniziative sempre nuove, arricchendo anche il territorio. Non possiamo che sostenere iniziative come questa che vanno sempre  crescendo.”
Per Airc, la collaborazione triennale con MTV Umbria è stata fondamentale per portare avanti progetti di ricerca contro il cancro, tanto che è stata ideata e finanziata, proprio grazie alla racconta fondi di Cantine Aperte, una borsa di studio intitolata al Movimento che è andata a Desirée Bartolini, ricercatrice della Facoltà di Scienze farmaceutiche di Perugia, per uno studio sull’epatocarcinoma.
Importanti, infine, le collaborazioni strette da MTV Umbria con diversi operatori del territorio per la promozione turistica tutto l’anno, come MTV Experience nel territorio di Montefalco e la App PGUPP, in cui si possono trovare informazioni sugli eventi, le cantine e le zone vinicole della regione.
tre − 1 =
condividi