giovedì 20 settembre 2018

Home Generali Cronaca Acquedotto: Umbra Acque difende il proprio lavoro

La società, sotto accusa per i ritardi negli allacciamenti e nelle riparazioni, diffonde i dati degli interventi effettuati
Acquedotto: Umbra Acque difende il proprio lavoro

In riferimento ad alcuni articoli apparsi recentemente relativamente a riscontrati ritardi da parte di Umbra Acque SpA negli allacciamenti di utenti all’acquedotto o alla fognatura, nonché nella esecuzione delle riparazioni dell’acquedotto di Perugia, la società tiene a precisare la mole del lavoro.
Un rendiconto che si concentra su Perugia, con problemi lamentati però sull’intero bacino, con numerose segnalazioni anche su Todi, dove diverse linee hanno subìto rotture, probabilmente legate anche ad un aumento della pressione di pompaggio, tanto sono frequenti.

ALLACCIAMENTI – L’azienda sta investendo in risorse finanziarie e personale dedicato al fine di poter offrire agli utenti un servizio sempre migliore e al passo con i tempi. In questo anno è entrato in funzione il servizio di allacciamento per via telematica ed è in fase di sperimentazione un sistema di messaggistica per segnalare disservizi, fermo restando che i tecnici della Società restano comunque a disposizione per ovviare ad eventuali disguidi. PeraItro i tempi di allacciamento standard di Umbra Acque, pur se non soddisfacenti, restano comunque al di sotto della media nazionale, sommando al tempo di esecuzione dell’intervento preliminare quello di concreta attivazione della fornitura, come risulta anche da indagini comparative effettuate da associazioni di consumatori.

MANUTENZIONI/RIPARAZIONI – Per quanto concerne l’attività manutentiva, negli ultimi tre mesi Umbra Acque ha provveduto ad effettuare, nel solo territorio del Comune di Perugia, ed in tempi in linea con quelli prescritti dalla normativa di settore, 471 interventi di riparazione complessivi, equivalenti a 5 riparazioni al giorno, mediamente una ogni cinque ore.

In tal senso si tenga conto – spiega Umbra Acque – che vi sono guasti importanti, oltre che improvvisi, quali quello spesso citato del 5 luglio scorso alla condotta di adduzione “Cannara” in Via Settevalli a Perugia, che necessitano di una attività prolungata. Come reso noto a suo tempo, il personale di Umbra Acque era intervenuto immediatamente per eseguire le necessarie operazioni di saldatura sulla tubazione e le successive manovre per il ripristino della regolarità del flusso idrico: diciotto ore totali di lavoro, in gran parte notturno, per restituire l’acqua, all’alba del 6 luglio, ai serbatoi dell’area abitata del lago Trasimeno.

SOSTITUZIONI – Spesso la riparazione del guasto non risolve, se non momentaneamente, il risanamento di tratti di tubazioni ormai fatiscenti, al punto da richiedere la sostituzione in via strutturale. Per il 2017 gli interventi di sostituzione di linee idriche nel comune di Perugia riguardano oltre 5,5 Km, equivalenti ad un investimento complessivo di circa 900.000 euro.
Dopo i cantieri in via Brunamonti e via della Pallotta (entrambi in fase di ultimazione), sono in corso i lavori di sostituzione della rete idrica in via Eugubina, via Antinori, via Annibale Vecchi e via della Stella; a breve saranno avviati quelli in via Campo di Marte e via Pellini.

Tali opere fanno parte del Programma degli interventi destinati ai 38 Comuni della Provincia di Perugia per il quadriennio 2016-2019, approvato nelle sedi istituzionalmente competenti a giugno 2016, nella misura di 2,5 milioni/anno. Si tratta di importi di gran lunga inferiori alle reali esigenze di ammodernamento di una rete idrica estesa (7.000 km di condotte idriche) con elevato livello di obsolescenza.

8 × = quaranta otto
condividi