sabato 25 novembre 2017

Home Lettere e Interventi Come controllare se hai pagato troppa TARI

Ormai è un dato accertato che molti Comuni italiani abbiano effettuato un errore di calcolo nella determinazione della TARI, la tassa rifiuti. Infatti si è considerato che le cosiddette pertinenze come garage, i box, le cantine, le mansarde, le soffitte come “componenti aggiuntivi della famiglia”. Questo problema ha avuto come risultato quello di far lievitare la bolletta del cittadino contribuente. Oggi, grazie al lavoro ispettivo del MoVimento 5 Stelle, il problema si è chiarito.

Per cui se hai pagato la TARI puoi verificare se nella bolletta siano stati riportati valori illegittimi. Se nella bolletta oltre alla voce principale trovate “domestica-accessorio” con il rispettivo valore nella sezione “tariffa variabile” possiamo sicuramente dire che si tratta di un valore illegittimo che, qualora già pagato, può essere oggetto di risarcimento.

Risarcimento che è possibile ottenere solo tramite ricorso. Ricorso da fare fornendo al comune, tramite raccomandata a/r o protocollo, un modulo con la copia delle bollette pagate ingiustamente. Trascorsi 90 giorni, se non si è ottenuta risposta o se è stato esplicitato un diniego, si può fare ricorso alla Commissione tributaria locale. Oltre all’interrogazione che ha consentito di scovare l’errore abbiamo pensato di fornire anche assistenza gratuita ai cittadini per il calcolo e la produzione degli eventuali ricorsi tramite i punti regionali SOS AntiEquitalia. Alcuni di loro (ad esempio in Calabria) sono in tour nei principali comuni per fornire assistenza diretta.

tre − 2 =
condividi