sabato 25 novembre 2017

Home Generali Ambiente e Territorio Botta e risposta sul depuratore di Todi

Ripetuto scambio di missive tra il Sindaco Antonino Ruggiano e la società Umbra Acque sulle criticità emerse e sulle attività supplettive previste
Botta e risposta sul depuratore di Todi

Fitto scambio di corrispondenza fra il Sindaco di Todi e la società Umbra Acque in merito alla realizzazione del nuovo depuratore in località Cascianella. A darne conto è lo stesso primo cittadino, il quale ha diffuso le lettere intercorse fra il Comune e la società che gestisce il ciclo delle acque.

In una prima missiva, datata 30 ottobre, Antonino Ruggiano ha chiesto di essere informato delle attività di indagine supplettiva sulla stabilità del versante e sul piano di monitoraggio che la “super perizia” aveva individuato tra le condizioni per proseguire i lavori per la costruzione dell’impianto alla porte del quartiere Cappuccini.

Umbra Acque ha risposto nell’arco di dieci giorni riferendo di aver dato indicazioni all’impresa esecutrice e ai tecnici  di espletare quanto previsto, allegando la relativa documentazione e il nuovo cronoprogramma delle lavorazioni. Il Sindaco di Todi, nell’accusare ricevuta del materiale trasmesso, il 14 novembre ha di nuovo scritto ad Umbra Acque per ribadire di voler continuare in una costante azione di verifica, ricordando come la nuova Amministrazione di centrodestra sia stata sempre contraria alla ubicazione del depuratore alla Cascianella e che pertanto proseguirà nelle iniziative volte ad evidenziare “le criticità emerse, affinchè il progetto approvato dall’ATI e dalla precedente Amministrazione di centrosinistra possa essere rivisto sulla base delle valutazioni di natura tecnica finora emerse”.

− cinque = 0
condividi