Vogliamo riportate l’attenzione sulle condizioni di sorveglianza relative al territorio marscianese, anche a seguito dei numerosi furti che si stanno verificando da molti mesi e con maggior frequenza all’interno delle abitazioni, soprattutto nelle ore del tardo pomeriggio quando inizia a far buio. I furti sembra che avvengano ad “ondate” prendendo di mira ogni volta un quartiere diverso del nostro Capoluogo oppure le frazioni.
Nonostante il ridotto organico del Comando dei Carabinieri di Marsciano, ridotto già da qualche tempo a sole 6 unità, dobbiamo essere grati per l’egregio lavoro svolto dai militari anche grazie al coordinamento con il Comando di Todi. Tutto questo non è però sufficiente a contrastare i furti, anche perché, in virtù del ridottissimo organico assegnato dal Ministero dell’Interno ad un territorio molto vasto come questo di Marsciano, i Carabinieri devono svolgere anche l’attività burocratica di ufficio e i militari destinati alla pattuglia sono di conseguenza troppo pochi. Fratelli d’Italia tra i primi punti inseriti nel programma elettorale ha inserito anche quello del sostegno alle Forze dell’Ordine, in quanto con gli ultimi governi di centrosinistra sono stati effettuati notevoli riduzioni di risorse umane, mezzi e tecnologie che non consentono di poter effettuare un’efficace lavoro sul territorio, al fine di contrastare il crimine e garantire prima di tutto la sicurezza dei cittadini.
Come Fratelli d’Italia ci impegneremo a sostenere con forza l’ampliamento dell’organico assegnato al Comando dei Carabinieri di Marsciano e cercheremo di far realizzare la nuova Caserma di cui si parla da anni e che l’amministrazione comunale non ha mai sollecitato con forza al Ministero degli Interni e al Prefetto. I dati sui furti avvenuti e la paura dei cittadini che si riscontra nel paese devono trovare una soluzione concreta, anche perché il sistema di videosorveglianza delle vie di accesso del capoluogo non è efficace come unico deterrente. Inoltre, come FDI abbiamo sempre sostenuto un migliore utilizzo anche degli agenti di Polizia Locale, che dovrebbero essere assegnati di meno alle funzioni burocratiche ed istituzionali, soprattutto svolte in ufficio, ed effettuare maggior sorveglianza del territorio, proponendo anche l’armamento degli stessi agenti.

condividi su: