mercoledì 19 settembre 2018

Home Generali Ambiente e Territorio Rifiuti: a Todi arriva la “tariffa puntuale”

Presentate le modifiche che riguarderanno il servizio di raccolta differenziata
Rifiuti: a Todi arriva la “tariffa puntuale”

Sono state presentate giovedì  mattina in conferenza stampa congiunta organizzata da Gest – Gesenu e dal Comune di Todi, alla presenza di Elena Baglioni Assessore al bilancio e al patrimonio con delega alla Nettezza Urbana di Todi, Moreno Primieri Assessore all’Urbanistica, Mauro della Valle Amministratore di Gest e Massimo Pera, Dirigente dei Servizi di Gesenu (gestore operativo di GEST), le modifiche che riguardano il servizio di raccolta differenziata e il piano operativo di attivazione della Tariffa Puntuale.

Al fine di attivare un sistema di raccolta conforme all’attivazione della tariffazione puntuale sui rifiuti e migliorare la qualità della frazione organica raccolta, il Comune di Todi e Gest – Gesenu propongono l’attivazione di un sistema di raccolta domiciliare che prevede l’utilizzo di appositi mastelli/contenitori per la raccolta delle frazioni di rifiuto organico e secco residuo ed attività di miglioramento del servizio di raccolta nel Centro Storico.

Tariffazione puntuale

La Regione Umbria con il Programma regionale per la promozione del passaggio al sistema di tariffazione puntuale, ha
 destinato contributi economici ai soli Comuni che al 31 dicembre 2017 hanno raggiunto percentuali di raccolta differenziata certificate superiori al 65%: il comune di Todi ha raggiunto la percentuale di raccolta differenziata pari al 71,40 %. Pertanto a partire dal mese di maggio 2019 sarà attivato e messo a regime in tutto il territorio comunale il piano operativo che prevede le rilevanti novità di servizio:

  1. DOMICILIARIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA NEL CENTRO STORICO DI TODI. Con l’obiettivo di garantire un’adeguata raccolta differenziata si prevede l’installazione di 40 “mini isole ecologiche ad accesso controllato” con 3 scomparti per il conferimento dei rifiuti da parte di tutte le famiglie e di tutte le attività commerciali ubicate nel Centro Storico di carta, plastica e metalli, vetro. Per contabilizzare gli svuotamenti, in maniera propedeutica e sperimentale all’introduzione di una tariffazione puntuale, si è deciso di dotare i contenitori di Radio Frequency Identification (RFID) che coniuga in maniera univoca l’Utenza ed il relativo codice associato
  2. DOMICILIARIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DELLA FRAZIONE ORGANICA IN TUTTO IL 
TERRITORIO COMUNALE. L’Amministrazione Comunale di Todi, in accordo con Gest-Gesenu, ha deciso di attuare politiche che portino ad un miglioramento della qualità della raccolta differenziata, in particolare per la frazione organica, con la conseguente riduzione degli scarti. Il nuovo modello organizzativo prevede la trasformazione del servizio di raccolta della frazione organica da stradale a domiciliare. Ogni utenza sarà dotata di contenitori specifici per la raccolta dei rifiuti organici ed il servizio sarà domiciliare e non più di prossimità.
  3. INSTALLAZIONE DI TAG RFID SU TUTTI I CONTENITORI PER LA RACCOLTA ED ASSOCIAZIONE DEGLI 
STESSI ALL’UTENZA TARI. Al fine di adottare la tariffa puntuale sarà necessario adeguare gli attuali contenitori in uso alla cittadinanza. Infatti per conteggiare gli svuotamenti è necessario che tutti i contenitori per la raccolta dei rifiuti siano equipaggiati di un microchip (RFID), che associa univocamente il contenitore all’Utenza. Per questo, contestualmente alla consegna dei contenitori domiciliari per la frazione organica, il gestore Gest/Gesenu si recherà casa per casa per applicare il tag su tutti i contenitori attualmente in uso alle utenze. Il microchip consentirà di conteggiare il numero degli svuotamenti effettuati dalle utenze in maniera tale da creare un database di letture propedeutico all’elaborazione del ‘’Nuovo’’ Regolamento Comunale TARI Puntuale.

Raccolta separata del vetro monomateriale

Durante la conferenza stampa l’Amministrazione Comunale di Todi ha ringraziato i cittadini per gli importanti risultati conseguiti nella raccolta differenziata del vetro monomateriale conseguita nel 2018. L’installazione di 89 campane nei centri abitati ad alta densità abitativa e di 69 contenitori dedicati per le utenze non domestiche hanno consentito di avviare a recupero di 117 tonnellate di vetro pulito.

 

7 + = otto
condividi