Grande partecipazione alla 29esima Camminata della Speranza
camminata speranza 2018

Oltre 700 persone hanno participato alla 29° edizione della Camminata della Speranza per la cultura della disabilità. L’estate è esplosa domenica 16 settembre, sotto il sole e condividendo la fatica, il corteo ha affrontato con determinazione l’ultima salita, fino al “Castello di Piedicolle” piccola frazione del Comune di Collazzone.
Tante gente di tutte le età, persone con disabilità e tantissimi volontari. Ognuno ha portato il proprio contributo a Centro Speranza di Fratta Todina, promotore della manifestazione dal 1989.

“Un percorso che ci ha messo in difficoltà” – ha commentato il vicesindaco Anna Iachettini – “una prova fisica che ci aiuta a comprendere le difficoltà e a far sentire la nostra vicinanza alle persone con disabilità e alle loro famiglie. Il Centro Speranza si impegna quotidianamente a diffondere la cultura della disabilità attraverso l’organizzazione di eventi come la Camminata della Speranza”.

Tantissime le persone che si sono impegnate nel dare il proprio contributo per il buon esito della manifestazione. I residenti della piccola frazione di Piedicolle, in particolare, hanno messo in moto una macchina solidale per assicurare al corteo della speranza la migliore accoglienza. Emanuele Luna, presidente del Circolo Acli di Piedicolle ha detto “è un onore e un piacere essere l’arrivo della Camminata. Il giorno in cui Augusto Morlupi, assessore alle politiche sociali del Comune di Collazzone, ci ha chiesto di organizzare l’accoglienza della manifestazione, il consiglio dei soci ha accettato all’unanimità. Oggi possiamo dire che è stata una giornata trascorsa all’insegna della solidarietà!”

Il Circolo Acli di Piedicolle ha realizzato e donato al Centro Speranza una struttura in legno con l’albero della vita, simbolo della Camminata della Speranza. Gli operatori del Centro Speranza, per l’occasione, hanno dato il proprio contributo in supporto ai tanti cittadini del Comune di Collazzone, guidato dal sindaco Francesco Bennicelli.
La cisterna d’acqua messa a disposizione da Umbra Acque S.p.A. ha distribuito borracce portando sollievo ai tantissimi partecipanti. Il presidente Gianluca Carini e l’A.D. Tiziana Buonfiglio i quali hanno ricordato che da tempo la società ha fatto della vicinanza al territorio un’opportunità per l’azienda che apprezza lo stare insieme e il valore della vita.

La presenza delle autorità è stata sottolineata da Luca Panichi, testimonial e amico del Centro Speranza. “La Camminata della Speranza ha un valore perché cerca di favorire il superamento di frammentazioni istituzionali per superare le barriere culturali e sociali.” Luca ha portato anche il saluto del Presidente Gianluca Tassi del Comitato Paralimpico dell’Umbria che sta sposando la filosofia d’azione per la quale, appunto, non conta solo il risultato, l’importante è partecipare condividendo un obiettivo comune. Un messaggio testimoniato anche dalla presenza alla Camminata dei gruppi del Piedibus Del Benessere e della Salute.

All’arrivo è intervenuto Carmelo Comisi in rappresentanza del Disability Pride Italia, movimento internazionale nato spontaneamente da persone con disabilità che si propone di portare all’attenzione dell’opinione pubblica la rivendicazione dei diritti d’inclusione delle persone con disabilità. “Ringraziamo per essere stati invitati ad essere Partener della Camminata della Speranza. Come Disability Pride Italia vogliamo abbattere prima di tutto le barriere culturali – ha detto Comisi – per questo abbiamo lanciato l’hashtag #nontinascondere un invito a superare la reticenza delle persone con disabilità a partecipare. Nella nostra battaglia non manca l’appello alle istituzioni per i diritti spesso negati come l’assistenza personale. Io da 21 anni ho bisogno dei miei genitori che da 1 anno sono con me in questa avventura a Roma.”

Una giornata di festa dove non è mancato nulla: la frizzante musica della Sciacchetrà Street Band ha dato colore e energia alla manifestazione, il Complesso Bandistico “Pasquale Del Bianco” di Pantalla ha accolto i partecipanti.
La Santa Messa è stata celebrata dal parroco Don Ferdinando Todini con Don Andrea Rossi e Don Lorenzo Romagna e il Coro della Parrocchia di Piedicolle ha animato la liturgia.

I partecipanti hanno potuto contare sul supporto dei volontari dei gruppi locali delle Misericordie di Collazzone, Marsciano e Tuoro. La Croce Rossa Italiana sarà presente con il gruppo locale di Deruta-Torgiano, l’U.N.I.T.A.L.S.I. con la sottosezione di Todi e i gruppi Agesci dell’Umbria dei Monti Martani e San Nicolò di Celle. Saranno presenti la Protezione Civile gruppo de La Rosa Dell’Umbria supportata da volontari del gruppo intercomunale di Fratta Todina – Montecastello di Vibio.

condividi su: