Disagi e proteste per la carente informazione, segnalazione e programmazione dei lavori lungo la superstrada
svincoli

Grandi disagi e grandi proteste (decine le segnalazioni pervenute in redazione) per la chiusura degli svincoli lungo la E45 tra Todi San Damiano e Pantalla,  con automobilisti e camionisti costretti ad arrivare per la vecchia strada Tiberina fino a Marsciano per poter immettersi sulla supestrada in direzione Perugia.
Inutile negare che l’arteria ha bisogno di interventi strutturali e che ben vengano gli investimenti importanti che si stanno effettuando, ma è altrettanto evidente che la programmazione degli stessi in relazione alle esigenze dell’utenza locale lascia molto a desiderare.
Scarsa informazione da parte dell’Anas, segnalazioni inesistenti lungo i percorsi per arrivare alle barriere di chiusura degli ingressi in E45, nessuna considerazione particolare – ad esempio – per il fatto che l’uscita di Pantalla è anche quella dell’ospedale comprensoriale, con tutto quello che ne consegue in caso di necessità o addirittura emergenza.
Come se non bastasse, ieri, venerdì, a Pantalla, lungo la provinciale, in direzione Collepepe, c’era pure il senso unico alternato regolato da semaforo per altri lavori in corso.
Qualsiasi commento sulla capacità di programmazione è superfluo.

condividi su: