Ad una interrogazione del Consigliere Regionale Chiacchieroni, l’assessore Cecchini fa il quadro dei pagamenti effettuati e di quelli da fare
agricoltura ambiente

Durante la seduta dell’Assemblea legislativa dell’Umbria di ieri, nella sessione dedicata alle interrogazioni a risposta immediata, il consigliere regionale del Partito democratico, Gianfranco Chiacchieroni, ha chiesto alla Giunta “qual è lo stato di avanzamento dei programmi del Piano di sviluppo rurale e quali sono gli sviluppi della politica agricola regionale con riferimento a tutto il comparto agroalimentare”.

Illustrando l’atto in Aula, Chiacchieroni ha ricordato “l’apertura dello sportello Agea presso gli uffici della Giunta regionale e l’interesse sulla questione manifestato dal Ministro alle politiche Agricole, dalla Commissione Agricoltura al Senato, dalla Camera dei Deputati e da parte dei parlamentari eletti in Umbria. Opportuno fare il punto della situazione e rispondere alle esigenze della comunità”.

Nella sua risposta, l’assessore Fernanda Cecchini ha detto che “il piano dell’Umbria sta andando avanti, sono stati già pagati quasi 250milioni di euro, il numero di domande cui è stato corrisposto il pagamento, ammonta a 50mila e 756. Nessun comparto ha eguali con quanto viene pagato per lo sviluppo rurale. Vero che ci sono problemi di malfunzionamento di Agea e che il nuovo ministro non ha ancora risolto i problemi, nonostante lo avesse annunciato. Rimangono da pagare 652 domande relative al 2015 su un totale di 7mila 141, quindi resta un 8 per cento. Nel 2016 rimangono 533 domande, il 5 per cento sul totale di 9mila 784, di cui 9251 pagate. La Regione ha iniziato a inviare pacchetti per il 2017 e Agea ha già provveduto al pagamento delle prime 900 domande. Abbiamo superato con un colloquio la problematica che il 2016 fu pagato senza fare controlli per via dell’emergenza sisma. Le domande che sono ancora bloccate producono ovviamente malcontento ma stiamo provvedendo. Previsti incontri prima del 20 novembre anche con le associazioni di categorie e con Agea a Roma. Miracoli non ne sono stati fatti, ma c’è impegno costante e intenzione di risolvere entro il più breve tempo possibile. Poi vi sono i 138milioni per iniziative legate all’ambiente e al benessere animale, e 70milioni già pagati per gli investimenti. Nelle prossime settimane si apriranno altri bandi, le imprese agricole potranno contare su maggiori risorse a disposizione. Dobbiamo garantire anche la qualità della spesa, dato che l’Europa prevede risorse ingenti per finalità ambientali e noi ci siamo già”.

Nella replica conclusiva, Chiacchieroni ha ringraziato l’assessore per l’impegno e ha detto “siamo di fronte a un comparto che ha prodotto forti innovazioni in questo anno ed è in atto un importante rinnovamento generazionale, per cui chiedo di monitorare costantemente queste problematiche per riuscire ad agire nei tempi più veloci possibili”.

condividi su: