Interrogazione in Consiglio Comunale da parte di Floriano Pizzichini di Todi Civica, per chiedere i tempi di attuazione del provvedimento
atletica-ragazzi

Todi Civica marca stretta la maggioranza di governo della giunta Ruggiano. L’attenzione questa volta si focalizza sulla cosiddetta “Sport card” che doveva essere introdotta su iniziativa della Lega.

Il consigliere Comunale di Todi Civica, Floriano Pizzichini, ha presentato un’interrogazione per conoscere se e come si intende portare avanti il provvedimento: “Il centrodestra – chiede Pizzichini – propone ed approva una misura di sostegno per disabili e famiglie indigenti, ma poi se ne dimentica per quasi un anno”.
“Nell’autunno 2017 – prosegue Pizzichini – il gruppo consiliare della Lega, depositò un ordine del giorno per l’istituzione della sport card.
Le forze di opposizione espressero molte perplessità sul progetto e sui termini con cui era stata proposta. Tale strumento avrebbe dovuto essere rivolto, nelle intenzioni dei proponenti, ai soggetti disabili, invalidi ed indigenti, per favorire l’utilizzo delle strutture sportive del territorio. 

Il 30.11.2017, con delibera, il Consiglio Comunale (con il voto della maggioranza) approvò pertanto l’ordine  del giorno sopracitato. Nel mese di settembre 2018, Todi Civica, tramite accesso agli atti, chiedeva agli uffici preposti di conoscere il numero di sport card rilasciate dal Comune di Todi, per verificare la qualità del progetto approvato. A  distanza di oltre un mese dalla richiesta di accesso, non avendo risposta, dopo numerose sollecitazioni e a seguito di richiesta di chiarimenti inoltrata al Segretario generale, lo stesso Segretario rispondeva che agli uffici non era mai stato dato l’incarico di lavorare alla istituzione della sport card e che pertanto non avevano potuto nemmeno istruire la pratica. Addirittura solo a seguito del nostro  interessamento, il 4 settembre 2018 (ben 10 mesi dopo l’approvazione) la delibera di Consiglio Comunale é stata trasmessa agli assessori competenti”.

“È evidente pertanto che – conclude Todi Civica – dopo ampi proclami alla stampa, la proposta era stata dimenticata completamente dalla maggioranza. Un fatto grave e che non può che far riflettere”. 

condividi su: