L'assessore comunale Claudio Ranchicchio chiarisce su risorse, tempi e procedure: l'Amministrazione investirà 120 mila euro con una programmazione triennale
todi-turismo

La Giunta comunale di Todi ha ben presente l’impegno preso con la città al momento dell’introduzione della tassa di soggiorno senza necessità di alcuna interrogazione da parte del consigliere Pizzichini. E’ la sintesi della risposta dell’assessore alla turismo Claudio Ranchicchio, il quale ha diffuso una nota per fare chiarezza sulla questione.

“Innanzitutto – spiega Ranchicchio – le risorse da destinare al piano di marketing erano state individuate nel 25% dell’introito, essendo un’analoga quota riservata al sostenimento di investimenti per la promozione della città, iniziative alle quali si è già dato corso attraverso la partecipazione al TTG di Rimini, alla realizzazione di video-spot, allo svolgimento di educational ed altre azioni mirate condivise con il tavolo degli operatori del settore”.

Meno immediato ma ugualmente avviato il percorso per l’utilizzo dei circa 35-40 mila euro all’anno riservati al piano di marketing. L’Amministrazione si è mossa per gradi, passando dall’accertamento degli incassi alla creazione di un accantonamento che possa permettere di sviluppare una programmazione triennale, quindi organica e coerente con il documento unico di programmazione, con un investimento di circa 120 mila, importo che superando il limite di affidamento sotto soglia dovrà essere oggetto di gara a cura della stazione unica appaltante della Provincia di Perugia.

“Il bando – assicura l’assessore comunale Ranchicchio – uscirà entro gennaio e ci consentirà di mettere in essere una strategia di lungo periodo che, dopo una ulteriore condivisione con gli attori del settore, potrà dispiegarsi e dare i suoi frutti in modo razionale e continuativo, consapevoli come siamo che certi iniziative non possono avere carattere sporadico o improvvisato”.

condividi su: