Cartellone di iniziative culturali in ambito agroalimentare alla Cittadella: si inizia sabato 12 gennaio con la presentazione a teatro della "Guida ai sapori e ai piaceri dell'Umbria"
ingresso scuola intotaro

L’Istituto Agrario di Todi continua ad essere sede di numerose iniziative, sia culturali che professionalizzanti. A dare continuità alla quindicina di eventi pubblici che hanno animato i mesi scorsi, arriva ora un nuovo cartellone di appuntamenti, che verrà aperto sabato 12 gennaio, alle ore 10:30, dalla presentazione della nuova “Guida ai sapori e ai piaceri dell’Umbria” di Repubblica, alla presenza del direttore editoriale Giuseppe Cerasa, il quale incontrerà nel teatro della Cittadella gli studenti dell’agraria ma anche del corso Turismo “Einaudi” per parlare di valorizzazione e promozione del territorio.
L’iniziativa è inserita nella rassegna “Libri, parole e bit”, un contenitore che ha già ospitato a dicembre relatori autorevoli, tra cui Renato Covino, Manuel Vaquero Pineiro, Rossano Pazzagli, e che proseguirà con altre date e relatori qualificati nelle prossime settimane.

A fare da intermezzo a questa intensa attività culturale, è previsto a metà gennaio un incontro dei diplomandi con imprenditori e manager di primarie aziende agroalimentari, anche al fine di orientare i loro futuri percorsi professionali. Anche in questo il “Ciuffelli” si distingue per una cifra tutta sua, legata alla presenza di un forte legame degli ex allievi, che tornano volentieri a tenere lezioni o a fare scouting.

E’ appena di ieri la visita del dottor Montanari Board of Directors del Gruppo Martini (500 milioni di fatturato, 1.700 dipendenti, attivo nelle filiere zootecniche in Italia e all’estero), accompagnato dall’ex allievo Gabriele Giannattasio, dirigente di alcuni importanti rami aziendali. Contatti stimolanti per gli studenti ma anche forieri di collaborazioni per la crescita del tessuto economico locale.

A fine mese, sabato 26 gennaio, l’Istituto ospiterà poi un convegno nazionale sulla “Scuola senza zaino”, una sperimentazione che ha visto la sezione Ipsia essere tra le prime a partire in Italia e che fa del “Ciuffelli-Einaudi” un avamposto in termini di sperimentazione ed innovazione, come attestano anche gli 11 progetti PON attivati in questi giorni grazie ad un finanziamento ministeriale di quasi 400 mila euro.

Sempre il 26 gennaio sono in programma le presentazioni di due libri legati alla storia e alle tradizioni agroalimentari, alle quali prenderanno parte, tra gli altri, la food writer Rita Boini, il giornalista del Gambero Rosso Antonio Boco e il direttore dell’Archivio di Stato di Rieti Roberto Lorenzetti.
Al termine della giornata, infine, l’ex Monastero di Montecristo ospiterà un incontro enogastronomico promosso dall’associazione “Sapori da Sapere”, guidata dalla presidente Mirella Giontella, al quale hanno già aderito circa cento persone.

condividi su: