Incontro con le Associazioni del territorio per condividere il progetto di un centro di aggregazione sociale-sportivo e di svago
deruta

Sì è svolto in modo positivo l’incontro di lunedì scorso a S. Nicolò di Celle – si legge in una nota del consigliere comunale del Comune di Deruta, Franco Battistelli, del Gruppo Consiliare Bene Comune – con le Associazioni del territorio, per esaminare le problematiche relative al destino dell’area adiacente il campo sportivo acquisita dal Comune nel 2010 per realizzare un centro di aggregazione sociale, culturale e sportivo.  Presenti anche il Vice Sindaco Marinacci, l’Assessore Nardoni e il capogruppo di Cittadini per Deruta Aglini.

Inizialmente è stato fatto presente che con deliberazione del consiglio comunale n.46 del 29.09.2010 il Comune ha acquisito al patrimonio il terreno censito al foglio n.1 particella n. 513 e n. 41 (parte) di proprietà dell’università degli studi di Perugia in San Nicolò di Celle, per metri quadrati 9.400 ed un valore di 24.500 euro.

Scopo dell’acquisizione, la destinazione dell’area a verde attrezzato nell’ambito di un progetto di spazi di svago e aggregazione. L’area era urbanisticamente classificata nell’allora vigente piano regolatore generale come area agricola, per questo è stata inserita nella variante generale al piano regolatore generale in modo da rendere attuabile il progetto. La variante era stata prima adottata nella parte strutturale (inizio 2017) ed ora definitivamente approvata a fine 2018.

Il 27 aprile del 2017 l’allora maggioranza, con deliberazione del consiglio comunale n. 22,  nell’ambito di una costituzione di servitù a insediamento produttivo su area pubblica prospiciente il campo sportivo di S. Nicolò di celle (e quindi contigua con l’area di cui sopra),  ha deciso di destinare la monetizzazione di tale servitù (63.350 euro)  “all’intervento di sistemazione e infrastrutturazione della nuova area verde di San Nicolò di Celle”.

Lo scopo è quello di arrivare ad un centro di aggregazione sociale-sportivo e di svago, che costituisce un’esigenza per ogni frazione e di Deruta capoluogo. Per questo motivo, altre riunioni saranno svolte a Deruta e a Ripabianca, dove il Comune possiede aree idonee allo scopo. Mantenere l’impegno preso utilizzando bene i 63.350 euro già a disposizione per l’urbanizzazione e stabilire un corretto rapporto con le Associazioni per completare l’opera, è stata la conclusione condivisa da tutti.

condividi su: