La Suprema Corte ha rigettato il ricorso della Procura generale contro l’insegnante che era stata accusata di molestie
cassazione1

I giudici della Terza sezione della Corte di Cassazione hanno rigettato il ricorso avanzato dalla Procura generale di Perugia contro l’assoluzione di un’insegnante di scuola media di Todi finita sotto processo con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di uno studente di 13 anni.
I fatti risalgono ormai a nove anni fa quando la docente, che insegnava italiano e storia, fu sottoposta prima a dei provvedimenti disciplinari, poi sospesa dal servizio e successivamente reintegrata.
La professoressa, difesa dall’avvocato tuderte Luca Patalini e dall’avvocato Diana Iraci Borgia, era già stata assolta in primo grado per insufficienza di prove, con la successiva impugnazione del pubblico ministero che era già stata dichiarata inammissibile dalla Corte d’appello.

condividi su: