Un parco urbano naturale per mettere in comunicazione i percorsi naturalistici e ambientali già in parte esistenti utilizzando e valorizzando le aree adiacenti ai corsi d’acqua, anche privati, oggi non pienamente fruibili.

È una delle proposte emerse dall’incontro pubblico dedicato alle politiche ambientali, svoltosi nei giorni scorsi alla sala Aldo Capitini di Marsciano, quarto appuntamento del percorso di costruzione della “Convenzione per Marsciano 2019”, il metodo di ascolto e partecipazione promosso dal Partito Democratico e da forze del centro sinistra per raccogliere ed approfondire idee, programmi e progetti per il futuro di Marsciano da proporre alle forze economiche e sociali del territorio in vista delle elezioni amministrative del 26 maggio 2019.

L’idea del parco urbano naturale, lanciata dal candidato Sindaco per il PD Stefano Massoli, è di individuare e realizzare un vero e proprio “Parco della città” di Marsciano, un’area integrata con il patrimonio naturalistico e ambientale esistente per collegare percorsi pedonali e ciclabili, corsi d’acqua e aree verdi, giardini e parchi pubblici in grado di riconnettere quartieri e zone periferiche con il tessuto urbano della città. L’obiettivo è duplice: offrire alla comunità nuove possibilità per vivere il territorio e mettere a disposizione percorsi idonei per attività sportive a piedi o in bicicletta. Un progetto che potrà essere ulteriormente arricchito con l’apporto e la collaborazione di tecnici, associazioni e soggetti, pubblici e privati, del territorio.

Un contributo importante è arrivato dal Sindaco di Marsciano Alfio Todini, che ha ricordato alcuni interventi pubblici per l’ambiente: il revamping del depuratore civile di Marsciano, che entrerà in funzione a breve dopo un intervento di ammodernamento tecnologico, l’attivazione del nuovo servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti organici in alcune aree del nord del Comune ed il nuovo Centro del riuso aperto vicino all’isola ecologica a servizio anche dei Comuni di Fratta Todina e di San Venanzo.

Durante l’incontro, concluso dall’Assessore regionale all’Ambiente Fernanda Cecchini, tecnici della Regione Umbria hanno inoltre annunciato l’avvio di importanti lavori pubblici per il ripristino delle sponde del Nestore lungo il tratto che dalla foce arriva fino a Castiglione della Valle.

Altra novità interessante, contenuta nella Legge di stabilità 2019 della Regione Umbria approvata a fine dicembre, è l’affidamento all’A.FO.R (Agenzia Forestale Regionale) delle attività di pulizia degli alvei e delle sponde fluviali da effettuare con cicli di manutenzione ordinaria e straordinaria finalizzati a ripristinare idonee condizioni di deflusso idraulico dei corsi d’acqua del territorio.

Durante l’incontro è stato evidenziato l’impegno costante dell’Amministrazione comunale per migliorare il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti che nel 2018 si è attestata al 67%, un risultato importante raggiunto grazie alla collaborazione positiva dei cittadini. Importanti anche le misure adottate per favorire la mobilità elettrica, come le autovetture in dotazione alla Polizia Comunale e le colonnine di ricarica elettrica installate nel capoluogo attraverso un accordo con Enel, infrastrutture che in futuro potrebbero essere utilizzate anche come punti di informazione turistica.

condividi su: