Discussione della questione nel Consiglio Comunale di Todi per la messa in sicurezza di quel tratto stradale, spesso teatro di incidenti
Strada pontecuti

Il Consiglio Comunale richiesto da tutte le forze di opposizione del Comune di Todi per discutere sulla messa in sicurezza dell’incrocio di Pontecuti, che collega la parte nuova del paese alla Due Mari (parliamo dell’intersezione più vicina a Orvieto), è stato molto partecipato, con una folta presenza di abitanti del luogo. 

“Come ho avuto modo di dire in Consiglio Comunale – scrive in un comunicato il consigliere comunale Manuel Valentini del PD – spesso noi tuderti ci dimentichiamo che quello dalla Due Mari è uno degli ingressi più importanti alla città di Todi, frequentatissimo tra gli altri dai turisti che scelgono di visitare le nostre zone. Molti viaggiatori visitano la nostra urbe e poi si spostano ad Orvieto percorrendo quella strada, collegamento più vicino tra noi e l’Autostrada del Sole A1. Quando parlo con i cittadini di Pontecuti mi ricordano sempre che la loro (in termini di abitanti considerando la parte antica e quella nuova), è la quarta frazione del Comune dopo Pantalla, Collevalenza e Ponte Rio. Proprio per questi motivi la messa in sicurezza dell’incrocio di Pontecuti, non è solo una questione che riguarda gli abitanti della frazione, ma è interesse di tutti. L’Amministrazione in Consiglio ha detto che a breve installerà una torre faro, per illuminare meglio l’incrocio e che sarà acquistato un autovelox di ultima generazione che, in maniera itinerante, sarà posizionato in vari punti del territorio comunale, tra cui anche l’incrocio in questione”. 

Valentini nel suo intervento in Consiglio ha sottolineato come sia fondamentale, per migliorare la visibilità e per far rallentare i numerosissimi veicoli che percorrono la Ss 448 (tra cui molti centauri), che in quel punto così pericoloso venga creata una rotatoria (non a caso prevista dal piano regolatore del Comune di Todi del 2005) unica e reale soluzione.
Ruggiano nel suo intervento ha ipotizzato che ottenere dall’Anas una rotatoria è praticamente impossibile, ma le sue risposte – secondo Valentini – sono come sempre “molto vaghe e disseminate di pochi dati e molte sensazioni”. 

“Gli ho ricordato – dice Valentini – come durante ultimi Governi a guida Centrosinistra, l’Anas sia stato riorganizzato e rifinanziato con positivi effetti anche nella nostra Regione. Basti pensare ai lavori effettuati sulla E45 nell’ultimo anno, grazie alla collaborazione instaurata tra Anas e Regione Umbria. Sarebbe proprio questo il momento migliore per ottenere una rotatoria a Pontecuti sulla Due Mari.  Certo, la “Storia” non è dalla nostra parte, se si pensa a come la prima Amministrazione Ruggiano ha gestito le “NON rotatorie” di Cappuccini!!! Come detto nella massima assise cittadina, con presenti gli abitanti di Pontecuti, noi forze di opposizione, continueremo a vigilare su questa situazione e seguiremo gli sviluppi, continuando a tenere informati tutti”.

condividi su: