Marsciano Civica esprime tutta la sua vicinanza alla donna rimasta vittima della rapina accaduta ieri in pieno giorno a Marsciano, nei pressi della Casa della Salute. 
La microcriminalità porta con sé le peggiori piaghe sociali. L’intera comunità chiede alla politica di non volgere lo sguardo altrove e di affrontare a testa bassa il disagio giovanile con le inevitabili tossico dipendenze tanto diffuse tra i nostri giovani anche di minore età. Il report sulle dipendenze redatto dalla Direzione Regionale Salute e Coesione Sociale conferma che l’Umbria, si pone al di sopra del dato nazionale per quanto riguarda il consumo di stupefacenti in una fascia di età tra i 15 anni e i 64 (4.7% in Umbria e 3,8% in Italia). 
Occorre trovare il coraggio per dire che le sostanze stupefacenti tradizionali e di ultima generazione non solo fanno male, ma che a Marsciano ci sono e sono facilmente reperibili!
Marsciano Civica fa un accorato appello affinché si incentivi il dialogo con le locali Forze dell’Ordine e con i Servizi Sociali, un dialogo volto a comprendere l’adeguatezza dei mezzi di chi opera quotidianamente nel territorio per contrastare il crimine e aiutare le persone coinvolte insieme alle famiglie che troppo spesso vivono questo dramma in profonda solitudine e stigma
Invochiamo dunque con forza un piano preventivo per mettere in sicurezza ancora di più rispetto a quanto fatto sino ad ora, le fasce sociali più esposte. Al contempo Marsciano Civica auspica un aumento dei controlli da parte degli organi preposti, con la triste consapevolezza che la criminalità miete le sue vittime innocenti attorno ai luoghi in cui la nostra comunità si sente maggiormente protetta e garantita.

condividi su: