sabato 19 agosto 2017

Politica

Gli umbri sempre più disinteressati di politica e politici

Il rapporto dell’Istat registra nella regione, tra il 2015 e il 2016, un aumento del 16,8% delle persone che vivono in famiglie in cui non si parla mai di politica. Un balzo record che nel 2016 porta l’Umbria a superare la media nazionale e a piazzarsi al primo posto nel Centro-Nord per disinteresse e rifiuto della politica e dei politici, accorciando le distanze con i dati stratosferici del Sud e venendo superata anche dall’Abruzzo, dove la disaffezione ora risulta minore alla nostra. In valori percentuali, gli umbri che vivono in famiglie dove non si parla mai di politica salgono in un anno dal 28,2% al 33,9%. In valori assoluti, crescono da 145mila a 175mila. Un pessimo segnale in vista di un triennio elettorale che nella regione sarà intensissimo.
Todi, devastati i giardini pubblici

La Lega Nord denuncia il fattaccio e si impegna per una più rigorosa vigilanza da parte della polizia municipale
Lega: “Una Fcu da incubo tra Todi e Marsciano”

Esponenti del Carroccio denunciano "lLa situazione di inefficienza e degrado della rete ferroviaria umbra"
In Umbria 730 posti di lavoro in bilico

Sono quelli al centro delle vertenze e degli esuberi di Thyssen Krupp, ex Pozzi, ex Novelli, Perugina, Colussi e TerniEnergia
Ricci: “l’Umbria rossa sta per franare”

Il consigliere regionale, prendendo spunto dall'inchiesta su Umbria Mobilità, ritiene sicuro il cambio di governo nel 2020 ma non esclude che la Regione possa implodere anche prima
Lega Nord Todi: l’argine è troppo invasivo ed oneroso

Dopo la presa di posizione di Forza Italia, sul progetto dell'argine di Pian di San Martino, arriva il netto rifiuto anche da parte della Lega
Scelte compiute per tutelare il trasporto pubblico

Gianfranco Chiacchieroni (capogruppo del Partito democratico), Silvano Rometti (capogruppo SeR) e Attilio Solinas (capogruppo Misto – Mdp), intervengono sulla questione Umbria Mobilità
Edilizia scolastica: all’Umbria ulteriori 4 milioni e 300 mila euro

“Con l’emanazione del Decreto Interministeriale, firmato dal ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, dal ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, e dal Ministro delle Infrastrutture Graziano Del Rio, che autorizza le Regioni all’accensione di mutui, salgono ad oltre diciassette milioni di euro le risorse ordinarie (escluse dunque quelle per gli interventi post-sisma) disponibili per l’edilizia scolastica ed il diritto allo studio in Umbria”. È quanto afferma l’assessore regionale all’istruzione ed al diritto allo studio, Antonio Bartolini, annunciando l’ultimo decreto governativo che assegna alla nostra Regione la possibilità di accendere mutui, a totale carico dello Stato, per oltre 4milioni e 300mila euro. “Questi finanziamenti – sottolinea l’assessore - potranno essere destinati ad interventi straordinari di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento sismico, efficientamento energetico di immobili di proprietà pubblica adibiti all'istruzione scolastica e all'alta formazione artistica, musicale e coreutica e immobili adibiti ad alloggi e residenze per studenti universitari, di proprietà degli enti locali, nonché la costruzione di nuovi edifici scolastici pubblici e la realizzazione di palestre scolastiche nelle scuole o di interventi volti al miglioramento delle palestre scolastiche esistenti per la programmazione triennale 2013-2015. Le Regioni saranno autorizzate dal Ministero dell'economia e delle finanze, d'intesa con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca...
Forza Italia dice no all’argine di Pian di San Martino

Dopo l'incontro con i cittadini della frazione tuderte, Forza Italia avrebbe recepito la contrarietà e le criticità emerse nel corso dell'assemblea pubblica
Centro culturale islamico: parla il sindaco Alfio Todini

Il primo cittadino di Marsciano, interviene sul tema sollevato dal centro destra, per una possibile eventualità di realizzazione di un centro islamico ad Ammeto