sabato 25 marzo 2017

Lettere e Interventi

Già in diverse occasioni abbiamo attirato l’attenzione dei media sul problema del centro storico tuderte ormai morente, ed abbiamo anche fatto proposte e messo in atto iniziative per incentivare la ripresa, ma non ci si deve dimenticare che Todi necessita anche di una politica di valorizzazione del territorio rurale circostante”. Seppur già da anni Casapound Todi atti delle visite periodiche nelle frazioni, per raccogliere le problematiche del territorio e portarle all'attenzione dei media, degli uffici preposti ed in diverse occasioni anche per risolverle direttamente, c’è un settore, che riguarda la quasi totalità delle frazioni, che spesso passa in secondo piano, o quanto meno non valorizzato a dovere: quello vitivinicolo. E’ un settore questo che negli ultimi anni ha avuto un notevole incremento, grazie agli investimenti di piccoli e grandi imprenditori che hanno consentito lo sviluppo di numerose aziende viti-vinicole, e grazie anche al riconoscimento nel 2010 della Doc Todi per le varietà Grechetto, Merlot e Sangiovese; ora, sarebbe questo un ottimo pretesto per dare il via alla rivalutazione turistica ed economica della città sfruttando tale settore, peccato che le amministrazioni che si sono succedute abbiano di fatto quasi totalmente ignorato questa realtà, se si escludono degli eventi una tantum non...

E' arrivata ufficialmente al mio orecchio una notizia: Ruggiano sarà il candidato a Sindaco per Fratelli d'Italia-Forza Italia. Finalmente si chiude il cerchio. L'ex Sindaco forzista vuole a tutti i costi ridare Todi in mano a chi, in cinque lunghissimi anni, l'ha completamente distrutta. Ecco come sono andate realmente le cose: in primo luogo il grande stratega ha agito in modo da far uscire da Forza Italia tutte quelle persone che potevano in qualche modo ostacolare il suo diabolico operato. Successivamente ha contribuito fattivamente a disgregare l'intero centro destra: viene, di fatto, allontanato dalla coalizione il Movimento Civico, poi Casapound e infine la Lega Nord, costringendo a ognuna di queste forze politiche a esprimere un proprio candidato a Sindaco. La ciliegina sulla torta sarà la proclamazione della sua candidatura a Sindaco. Non temete avverrà tra pochi giorni l'incoronazione, come da me previsto. Un piano malefico, il cui unico scopo è cedere ancora una volta la nostra povera Città a chi l'ha uccisa! Complimenti a Ruggiano e ai partiti che lo sostengono. Todi non ve la darà vinta. E' una promessa.

Si è tenuto domenica in centro a Todi, un banchetto di raccolta firme per la nuova proposta di legge di iniziativa popolare di CasaPound Italia che mira a fermare la Grande Sostituzione dei popoli europei e in particolare di quello italiano, incentivare con tutti i mezzi possibili la nascita di bambini italiani e sconfessare le teorie boldriniane, che prevedono l'arrivo di nuovi immigrati come l'unica soluzione possibile per la denatalità che colpisce l'Italia. La proposta di legge prevede cinquecento euro al mese fino all'età di 16 anni per ogni bambino nato da genitori italiani, di cui almeno uno nato italiano a sua volta; i fondi per sostenere questa misura sarebbero presi tagliando drasticamente i fondi erogati alle cooperative per la gestione dell'immigrazione clandestina.

Questa mattina il Segretario di Assisi del Fronte Nazionale Roberto Pierotti e Massimo Morelli Segretario provinciale UGL Umbria Agroalimentare hanno tenuto un incontro per parlare della delicata situazione dello stabilimento Colussi di Petrignano di Assisi. Questo incontro non avviene a caso ma anche in relazione alla strana “dimenticanza”  dell’amministrazione Comunale che non ha invitato UGL Agroalimentare all’incontro tenutosi nei giorni scorsi con tutte le altre sigle sindacali, evidentemente anche in questa situazione che dovrebbe consigliare di mettere da parte vecchie e stereotipate ideologie, per il bene supremo dei lavoratori e delle loro famiglie, qualcuno nella maggioranza guarda ancora al passato. Da questo incontro è venuto fuori un quadro estremamente preoccupante, poiché la situazione come tutti sappiamo è estremamente delicata, la paventata delocalizzazione della linea di produzione delle fette biscottate e del conseguente esubero di circa 70 operai dallo stabilimento di Petrignano, è solamente l’ultimo tassello di una politica produttiva quantomeno aleatoria da parte dell’azienda e non bastano di certo a rassicurare i lavoratori le promesse di “produzioni alternative” tutte da definire. D’altro canto anche il “caso Colussi” va ad inserirsi in un quadro Regionale e Nazionale già deteriorato per colpa di politiche suicide, che in questi ultimi anni hanno privilegiato il liberismo...

Già dall'edizione 2017 del giro d'Italia di ciclismo professionisti (edizione numero 100) si dovrebbe sollecitare, nel quadro organizzativo RAI-RCS Sport, la possibilità di promuovere televisivamente, a fini socio cultuali e turistici, le regioni del centro Italia e dell'Umbria, dopo il sisma 2016/17, come "misura compensativa" del danno indiretto all'immagine, attraverso una "finestra" quotidiana TV durante tutte le tappe del giro (questo in aggiunta al sostegno per la tappa a cronometro programma, nel 2017, fra Foligno e Montefalco). Le immagini del "paesaggio culturale italiano", riprese durate il giro, sono trasmesse nelle televisioni (e sistemi multimediali) in molti paesi a livello internazionale e rappresentano un veicolo promozionale, molto incisivo, da "considerare" nei piani turistici dell'Umbria nel prossimo triennio 2018/2020. Attraverso una "mozione propositiva" si invita la Giunta Regionale a promuovere una correlazione organizzativa con RAI e RCS Sport, per attivare un piano di comunicazione televisiva, e multimediale, per i giri d'Italia nel triennio 2018/2020 con "spot TV promozionali" dell'Umbria da intercalare durante le tappe. Si chiede inoltre di proporre una "maglia cuore verde d'Italia" da assegnare, a punti con traguardi "volanti" specifici (in luoghi simbolici culturali), al miglior ciclista arrivato. Infine si auspica che la partenza dal Giro d'Italia 2018 possa avvenire a Norcia (centro...

I commercianti i Todi, quelli che resistono, si chiedono alcune cose: -c’è una strategia che regola i provvedimenti relativi al traffico e un programma per dare soluzioni (temporanee o definitive) al problema dei parcheggi? -se una strategia c’è, perché non viene illustrata e magari anche discussa con la cittadinanza? -se una strategia non c’è, possiamo sapere con quale criterio si procede? Alla giornata? Chi si alza primo decide? Ma non basta alzarsi presto la mattina, bisogna anche svegliarsi! Il tempo delle manfrine è scaduto. Gli operatori economici hanno diritto a certezze, perché ormai stanno lavorando sulle forze e molti di loro si chiedono se valga la pena continuare oppure andare via, spostarsi o chiudere del tutto. Invece per chi ci governa sembra che la questione sia solo di vedere il bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno. Allora per favore il Sindaco risponda a una domanda: il bicchiere è mezzo vuoto perché l’altra metà se l’è scolata quello che ha preso la fantastica decisione di occupare uno spazio vitale come quello a lato del parcheggio di porta orvietana per piazzarci i mezzi della Gesenu? Ma ci si rende conto che quello spazio è stato fino a oggi un polmone per garantire che eventi di grande richiamo potessero accogliere...

Dopo decenni di abbandono la "Portaccia" riacquisterà la sua dignità e, in seno ad un progetto di riqualificazione, tornerà ad essere un monumento che risulterà piuttosto originale per merito della sua "stortura" architettonica dovuta allo scivolamento sul lato del colle che guarda Orvieto. Tanti Tuderti, me compreso, sono e saranno ben felici di poterla rivedere ristrutturata e agibile. Detto questo vorrei conoscere la mente sopraffina che ha individuato e concesso l'area sottostante per il deposito e il parcheggio dei mezzi della GESENU, di fatto "inquinando" la vista del monumento soprastante e di uno degli angoli più suggestivi di Todi! Detti mezzi, per quanto ben puliti dai loro autisti, presentano e presenteranno sempre piccole tracce e residui di rifiuti che, con l'arrivo della bella stagione, potrebbero essere accompagnati anche da "saporiti" odori. Da considerare che quell'area funzionava spesso come parcheggio concesso ai partecipanti di eventi che si svolgono nella nostra Città (vedi Arcieri, Todi fiorita, mostre, ecc. ecc.), che potevano contare su di un parcheggio riservato che veniva incontro alle necessità di chi presta gratuitamente la propria opera, o il proprio tempo libero, alla nostra bella Città. Alla luce di queste osservazioni mi chiedo, ma non esisteva in tutta la città, o ai piedi della...

È stata espletata e aggiudicata la gara di appalto per il trasporto scolastico ed il servizio di accompagnamento degli alunni delle scuole del territorio di Todi (718 mila euro fino al 2018). Un servizio rivolto agli alunni delle scuole dell'infanzia, delle primarie e delle secondarie di primo e secondo grado. La gara è stata vinta da una azienda di Frosinone, che per la prima volta si troverà a gestire il servizio sul nostro territorio. Come previsto dalla clausola sociale del bando, auspichiamo la tutela dei livelli occupazionali uscenti, al fine di garantire la continuità del servizio, nel rispetto delle normative e dei contratti collettivi vigenti. In relazione a ciò, essendo tale ipotesi un auspicio che non rappresenta vincoli per l'azienda appaltatrice, invitiamo l'amministrazione comunale e le forze sindacali ad una iterlocuzione positiva che garantisca i lavoratori del territorio che hanno sin qui svolto regolarmente le loro manzioni. Diventa necessario dare sicurezza a coloro che, in considerazione del rinnovo dell'appalto, ad oggi, non hanno garanzie sul loro futuro professionale, soprattutto in quelle situazioni in cui questo rappresenta l'unica fonte di reddito familiare. Riteniamo pertanto determinante l'impegno dell'amministrazione comunale per la tutela della qualità del servizio e dei lavoratori, in un momento...

Dopo il Consiglio comunale aperto volto ad analizzare la situazione economica e occupazionale nel comune di Marsciano e nella Media valle del Tevere, il Partito Socialista ritiene necessario riflettere sui problemi che attualmente attanagliano la nostra società. Come già espresso dal Capogruppo consiliare e Vicepresidente della Provincia Roberto Bertini, riteniamo fondamentale, in un momento così difficile per imprese e lavoratori, operare affinché si possa garantire l’acceso in tempi brevi alle risorse a loro destinate, troppo spesso difficilmente fruibili a causa di impedimenti burocratici o, più semplicemente, per mancanza di informazione. Importante è dunque, coordinare le esigenze dei piccoli e medi imprenditori da un lato, la disponibilità di fondi e risorse dall’altro, al fine di accelerare e concretizzare le iniziative che oggi spesso purtroppo rimangono sulla carta. È necessario organizzare una cabina di regia che sia in grado anche di proporre e coordinare l’aggregazione di piccole aziende che, occupandosi di attività similari o complementari tra loro, possano trovare convergenze produttive e sviluppare progetti comuni, una cabina di regia che possa farsi carico e diventare interfaccia concreta tra richiesta ed offerta di beni e servizi sia localmente, sia a livello nazionale e internazionale. Non di minore importanza è la creazione di una...

In un recente incontro informativo (quei birichini del bicchiere mezzo vuoto lo definiscono “auto celebrativo”) l’Amministrazione intendeva fare un resoconto di fine mandato. In realtà non è stato un vero resoconto, ma un semplice elenco di soldi spesi, senza dettagli sulle opere eseguite (tanto è vero che per sapere quali interventi sono stati fatti per la messa in sicurezza dal dissesto idrogeologico abbiamo dovuto fare una lettera al Sindaco che ancora attende risposta). Da questo orecchio proprio non ci sentono, appartengono alla generazione che ancora crede che la gente si impressioni e ritenga bravi quelli che portano soldi, indipendentemente da come poi li spendono (vedi pavimentazione Via Ciuffelli o strada di Fiore o doppia rotatoria a Porta Romana). Ma alcune cose interessanti sono emerse. Riportiamo alcune frasi dette nell’incontro: “le ritrovate capacità di intervento del Comune ci fanno guardare con fiducia al futuro” “sono già pronti progetti cantierabili da mettere in pista per i prossimi anni” “gli uffici comunali hanno fatto un grande lavoro di progettazione, programmazione, gestione degli adempimenti necessari, risoluzione di problemi ed imprevisti” “cantieri aperti grazie alla collaborazione con molti enti, a partire da Governo e Regione Umbria, con risorse di ogni tipo, dal bilancio comunale a quelle europee” Conclusioni: se il Movimento 5...