sabato 24 giugno 2017

Lettere e Interventi

Ancora una volta Rossini e coloro i quali si nascondono dietro la sigla “Coalizione di centrosinistra di Todi per Carlo Rossini Sindaco”, privi del coraggio di affrontarmi in un confronto pubblico, invece che rifugiarsi in un dignitoso silenzio, preferiscono attaccarmi nascondendosi dietro l’anonimato di una formula vuota quanto fallimentare, come dimostra la grave crisi economica e sociale che Todi sta vivendo al termine dei peggiori cinque anni di Governo che la sua storia ricordi. Quanto ai miserevoli tentativi di infangare il mio stato di servizio ergendosi a paladini della Patria, mi piacerebbe conoscere quanti tra coloro i quali si mascherano dietro la sigla “Coalizione di Centrosinistra di Todi per Rossini” abbiano servito la Patria con una divisa addosso senza imboscarsi in qualche ufficio o scegliendo una comoda obiezione di coscienza (forse più che di obiezione per qualcuno si dovrebbe parlare di assenza di coscienza). Sicuramente nessuno di loro si è dissociato dalla vergognosa proposta del Governo Renzi-Gentiloni sullo IUS SOLI che equivale ad una resa incondizionata di fronte all’invasione del nostro Paese. Una invasione contro la quale la Lega si è opposta e continuerà ad opporsi in maniera ferma e netta. Rossini e chi lo circonda finge di non vedere il...

Abbiamo condotto una campagna elettorale positiva, portando un resoconto del lavoro fatto, i progetti in corso già finanziati, quelli impostati per il futuro, la nostra idea di città. In queste settimane abbiamo incontrato cittadini, associazioni, imprese, professionisti e tanti soggetti e forze vitali del nostro territorio, con i quali ci siamo confrontati apertamente sulle nostre proposte ed i progetti concreti per lo sviluppo di Todi. Lo abbiamo fatto con uno stile pacato e con uno spirito costruttivo, convinti che la nostra comunità abbia bisogno di essere unita per raggiungere risultati importanti e guardare al futuro con fiducia. Ora, care elettrici e cari elettori, domenica 25 giugno andremo alle urne: appuntamento importante per il quale sono decisivi il sostegno e la partecipazione di ognuno di voi. Siamo consapevoli che c’è ancora molto da fare, ma siamo convinti che il lavoro fatto in questi anni con passione e responsabilità sia la migliore garanzia per il futuro e per continuare il percorso di crescita iniziato. Oggi vi chiediamo di dare a tutti noi e a Carlo Rossini la possibilità di proseguire l'esperienza amministrativa per garantire nuove opportunità alla città. Per Todi. Per tutti.

L’arrampicata sugli specchi del Signor Ruspolini è veramente esilarante, per non dire tragicomica! Come documentato da video originali, la sua risposta alla domanda del giornalista del Corriere dell’Umbria, e fedelmente trascritta (altro che copia incolla!!), è inequivocabilmente quella riportata nel comunicato stampa della coalizione di centrosinistra. Altro che attacchi personali! Carta canta, villan dorme! Grottesco è poi il tentativo di sottrarsi all’accusa di trasformismo ed incoerenza affermando che non avrebbe fatto apparentamenti nel caso fosse stato lui ad arrivare al ballottaggio. Come dire: comincio la guerra contro Ruggiano, se vinco non mi apparento, ma se perdo mi apparento. Cioè: se perdo mi alleo con il nemico sperando di vincere. Era ciò che lui condannava in modo solenne e risoluto! Allearsi con il nemico, come hanno fatto gli italiani: giammai, perché io sono diverso! E puntualmente si è alleato con il nemico. Ridicolo ed ancora più offensivo nei confronti degli elettori! Che cosa cambia dal punto di vista politico? I giudizi negativi su Ruggiano, espressi in più occasioni, perché sarebbero cambiati? Se Ruggiano è il vecchio, ostacolo al rinnovamento chiesto dalla Lega, perché dovrebbe diventare il nuovo...

Ci sono modi diversi di avvicinarsi e vivere una campagna elettorale. Le liste “Partito Democratico”, “Socialisti e popolari - La sinistra per Todi” e “Todi città aperta”, unite per e con Carlo Rossini, hanno deciso di sottoporre ai cittadini i risultati dell’azione amministrativa, i progetti in corso, molti già finanziati, le idee di sviluppo per la città, unite alle esigenze giunte in queste settimane dagli incontri con i cittadini. Ruggiano ha portato solo attacchi e promesse al vento, come se non avesse mai governato la città e sbarcasse oggi da Marte. Ora, in vista del 25 giugno, gli chiediamo una cosa semplice. Porti un elenco, come abbiamo fatto noi, dei risultati conseguiti nei suoi cinque anni di amministratore. Li metta nero su bianco con importi e date e lasci che i cittadini facciano un serio confronto su questo. Metta nero su bianco i progetti, con un programma articolato e le fonti di finanziamento che intende andare a trovare. Questa è serietà nei confronti dei cittadini! Amministrare e proporsi di amministrare chiede questo, non l’ideologizzazione dei temi con offese e falsità e gli “accordicchi” tra forze politiche...

I nuovi violenti ed infondati attacchi personali di Rossini nei miei confronti dimostrano che la sua paura di perdere si sta trasformando in vero terrore. Non è con un “copia e incolla” da mestierante della politica che Rossini potrà cancellare la verità. La domanda che il giornalista mi ha rivolto era “che cosa avrei fatto se io fossi arrivato al ballottaggio”, cosa che si evince chiaramente dalla mia risposta; in quel caso, mi sarei rivolto direttamente ai cittadini e non alle forze politiche. Tale eventualità, purtroppo, non si è realizzata. La Lega Nord di Todi, per la prima volta, ha partecipato a viso aperto alle elezioni amministrative con il suo programma e il suo candidato, riportando un risultato molto positivo, sufficiente per entrare in Consiglio comunale, ma non per sfidare Rossini al ballottaggio. Di fronte al risultato del primo turno, coerentemente e alla luce del sole, abbiamo deciso di sostenere il candidato in grado di porre fine all’amministrazione Rossini, la peggiore che Todi ricordi. Lo abbiamo fatto dopo l'appello che Antonino Ruggiano ha rivolto a tutti coloro che si sono presentati come alternativa alla sinistra e sulla base di un accordo politico-amministrativo sottoscritto...

E’ arrivato il momento di scegliere. E per scegliere, in maniera sana e corretta, oltre ad avere di fronte almeno due alternative, occorre essere informati. Conoscere cosa si può scegliere. La lista civica “Todi per la famiglia” ha sviluppato la sua campagna elettorale su temi concreti, analizzando problemi reali e proponendo soluzioni possibili. Lo abbiamo fatto mettendo al centro della riflessione esperienze vissute, condivise. E’ stato così per la scuola, per le tariffe dei servizi pubblici, per le battaglie su quelli che noi riteniamo valori non negoziabili, come il diritto alla vita o quello dei genitori di educare i propri figli. Il cuore della nostra proposta è la “rivoluzione” del fattore famiglia. Significa che la tassazione dei cittadini e la compartecipazione alla spesa per i servizi pubblici (dalla mensa scolastica ai rifiuti) non saranno più calibrate soltanto sul reddito prodotto, ma terranno conto anche di altri elementi (il numero di figli, la presenza in casa di persone anziane o con disabilità) modulando una no tax area che si allarghi in base alla composizione del nucleo famigliare e cercando di favorire le famiglie con una prole...

Dal confronto tra i candidati Sindaci svoltosi al Corriere dell’Umbria il 7 giugno scorso. Un giornalista chiede: “Farete alleanze al ballottaggio?” Il candidato Sindaco risponde testualmente: “Gli italiani sono famosi per iniziare la guerra da una parte e finirla dall’altra parte. Io non sono di questo avviso. Io la guerra l’ho iniziata da una parte e quando parto voglio sapere chi sta con me e chi sta contro di me. Ho fatto una scelta e non ho intenzione di fare alleanze con alcuno perché le alleanze andavano fatte prima. Non abbiamo trovato unità di intenti perché noi volevamo essere e fare il cambiamento. Questa volontà di cambiare non c’è stata e pertanto siamo andati da soli e continueremo su questa strada. Io alleanze le stringo solo con i cittadini che vogliono cambiare. Con le forze politiche, con la dirigenza delle forze politiche non faccio alleanze”. Chi era costui che manifestava simili intenzioni? Il candidato della Lega Nord Adriano Ruspolini. Dieci giorni dopo queste affermazioni si allea per il ballottaggio con Ruggiano (il nemico da combattere perché ostacolo al rinnovamento). Ipocrisia, incoerenza, presa in giro degli elettori....

Poche parole per definire l’atteggiamento di Ruggiano su commercio, centro storico e turismo: parole da bastian contrario. Dopo 10 giorni in cui tutta la città è stata frequentata da migliaia di giovani e famiglie grazie al torneo di calcio a 5 organizzato da un’associazione giovane e di giovani, ci vuole una gran faccia tosta a dire che le manifestazioni sostenute dall’Amministrazione comunale sono sbagliate. È ridicolo dire che il nuovo punto di informazione turistica è bello ma collocato nel luogo sbagliato! In tutte le città umbre l’ufficio sta nel centro storico, in tutte le capitali europee sta nel centro storico, l’accoglienza turistica ha bisogno della bellezza! Inoltre non conosce, sebbene ne abbia avuta la possibilità come consigliere di minoranza, il progetto complessivo che sarà messo in campo dall’Amministrazione comunale per l’accoglienza, l’informazione e la promozione turistica. Non conosce nemmeno i dati sui flussi e parla a orecchio. Ma da quando non governa più la destra a Todi il turismo è cresciuto! Parla di piani parcheggi lasciati in eredità e si riferisce al progetto di sventrare il Mercataccio (opera che avrebbe presentato gravi rischi per i Nicchioni romani e mezzo Corso Cavour) per...

Come che siamo tutti ben consapevoli delle imminenti elezioni amministrativi di domenica 25 giugno qui nella nostra città di Todi prendo penna per scrivere due righe come ultimo tentativo per poter fare in questo modo che dal prossimo anno le mongolfiere sorvoleranno di nuovo sul nostro comprensorio con la città di Todi che ritornerà di avere un ruolo predominante. L’evento, sicuro già che l’anno 2018 sarà l’anno della sua svolta, coinciderà anche con le celebrazioni del suo trentesima edizione con la partecipazione di oltre 400 equipaggi provenienti da tutto mondo. ( Sono già iscritti 268 equipaggi!!). Posso tranquillamente affermare che finalmente l’evento ha preso il ”via” e che Todi beneficerà immensamente con questo evento annuale che fa molto “gola” a tante città e non solo in Umbria. Non voglio scrivere sugli argomenti politici perche in fine ogni uno lo pensa a modo suo, in bene o in male, e ogni uno ha il diritto da pensare come vuole e suo diritto deve essere sempre rispettato. Comunque abbiamo il ballottaggio e comunque sappiamo bene se vince Rossini le mongolfiere lui non lo vuole ed e stato proprio lui di averli mandati via!! Sappiamo per sicuro che Ruggiano le mongolfiere le vuole...

Todi ha un'occasione colossale di voltare pagina e chiudere un periodo buio ovvero questi ultimi cinque anni l'amministrazione uscente ha abbandonato la scuola e i giovani e lasciato la città in condizioni pessime. Noi che viviamo la scuola tutti i giorni conosciamo bene la situazione , è vero che ci sono i presidi ma un' amministrazione come si deve,tramite la sua giunta dovrebbe preoccuparsi di più dei suoi studenti e delle scuole. In questi anni la Giunta Rossini ha fatto finta di non ascoltarci sul delicato tema del 'caro trasporti' affermando che è stato fatto tutto per gli studenti e che quindi altri interventi non servivano. Invece serve intervenire in aiuto delle famiglie meno agiate e vanno rivisti i costi extraurbani e urbani degli abbonamenti per i pullman. Va fatto un chiaro intervento a sostegno dei più bisognosi tagliando costi inutili. Con un nuovo governo della città questo sarà possibile. Oltre a ciò va ricordata l'edilizia scolastica, alcune scuole cadono a pezzi e altre invece sono diventate resort per soli ricchi. Un sindaco dovrebbe comunque farsi sentire su queste tematiche presso le istituzioni preposte. Questa amministrazione inoltre non ha mosso un dito contro la folle teoria Gender approdata nelle scuole...