La Regione vuole innovare la normativa del settore

Un gruppo di lavoro tecnico costituito da funzionari ed esperti di varie Direzioni e Servizi della regione Umbria, dovrà concludere entro un anno la revisione e la riscrittura della legislazione regionale in materia di commercio.
La riforma riguarderà la disciplina del commercio in sede fissa ed in aree pubbliche, la somministrazione di alimenti e bevande, la distribuzione di carburanti per autotrazione, la vendita di giornali e riviste.
Intanto “Sulla questione delle aperture dei negozi e le giornate inderogabili siamo finalmente vicini ad una soluzione”. Lo ha dichiarato: Giorgio Mencaroni, presidente della Confcommercio della provincia di Perugia. “Nell’ultimo incontro in Regione, convocato dall’assessore regionale Mario Giovanetti – aggiunge il presidente Mencaroni – abbiamo registrato un clima positivo da parte di tutti gli attori impegnati su questo argomento – oltre alle associazioni degli imprenditori, le organizzazioni sindacali, l’Anci, la Regione – nel cercare una soluzione praticabile e soprattutto condivisibile.
L’incontro del resto è servito anche a chiarire alcune incomprensioni sorte per il modo un po’ caotico secondo il quale la vicenda legate alle aperture dei negozi e le giornate inderogabili si è dipanata. Nei tavoli locali di confronto, infatti, sono rimbalzati dettagli che competevano a un tavolo più ampio e di livello superiore; quello di livello superiore è stato qualche volta negativamente influenzato da echi di discussioni maturate a livello locale.”

condividi su: