Annunciato anche un concorso televisivo su "sorella acqua"
water1

Il prossimo concorso regionale e nazionale riservato alla televisioni pubbliche e private, si chiamerà “Sorella acqua“, un tema strettamente legato alla crisi idrica attuale ed alle “guerre per l’acqua” che, secondo gli osservatori, si avviano ad affiancare quelle per il petrolio.
La notizia è emersa all’assemblea nazionale dei Co.Re.Com.( comitati regionali per le comunicazioni) svoltasi a Palazzo Cesaroni, sede del Consiglio regionale dell’Umbria
Con l’occasione, da parte dell’osservatorio umbro sulla comunicazione locale, è stato reso noto un report relativo al primo trimestre 2007, riferito all’informazione regionale della Rai, da cui è emerso che l’informazione sindacale (24,3 per cento) ha più spazio di quella politica (21,7 per cento).
Nei giorni passati anche l’opposizione aveva diffuso la notizia secondo cui “l’Osservatorio
di Pavia,
ente terzo e unanimemente riconosciuto come del tutto obiettivo, ha compiuto il monitoraggio del pluralismo politico nei telegiornali regionali su richiesta della Commissione di vigilanza Rai”.Nel periodo dal 1 al 31 gennaio 2007 il Tgr Umbria ha dedicato appena il 6 per cento del tempo gestito direttamente (Tgd, ovvero le interviste) nei suoi servizi a esponenti del centrodestra, contro l’80 per cento dell’Unione. Stesse percentuali in Toscana e nelle altre regioni rosse del Centro”.

condividi su: