Si ritengono prese a pretesto per polemiche strumentali

L’Uncem Umbria, l’organismo associativo tra le comunità montane, «non ne può più di veder tirare in ballo questi enti quando si affrontano le storture della politica, quando si cerca un capro espiatorio per riassumere le cose che non vanno». Agnese Benedetti, presidente regionale dell’organismo associativo spiega che la sua indennità di presidente di comunità montana «è pari a 1.475 euro, il compenso degli assessori della mia giunta è pari a 115 euro al mese, simile a quello che riceve per ogni seduta un consigliere comunale di una città».». Sulle indennità degli amministratori, «è bene sapere che quelle dell’Umbria sono le più basse d’Italia e non sono commisurate alla popolazione delle comunità montane, ma a quelle del comune più grande che di esse fa parte ».
Infine l’Uncem chiede che il disegno di legge di riforma di questi ed altri enti sia improntato a «scelte radicali e coraggiose: se riforma deve essere perchè non si comincia dal concetto più semplice, ossia quello di utilizzare organismi e finanziamenti destinati alla montagna proprio e solo nelle zone meritevoli di questo nome? ». L’Ansa, su dati forniti dall’Ifel (Istituto per la finanza e l’economia locale, società dell’Anci), Upi (Unione delle Province italiane) e Uncem (Unione nazionale Comuni e Comunità montane), aveva fatto i conti della politica : i consiglieri delle Comunità montane costano circa 1.705.728 mentre gli assessori 70.257.600. In totale, un costo complessivo, per consiglio e giunta, di circa 72 milioni di euro. Sempre secondo l’Ansa, il costo totale per i Comuni si aggira intorno ai 702 milioni di euro (dato tra l’altro calcolato su 7.998 comuni su un totale di 8.102), mentre per le Province è stimato il dato di 115 milioni di euro.
”In percentuale, considerando che la spesa complessiva per le indennità di tutte e tre le categorie è di 890 milioni di euro, le Comunità montane incidono per circa il 5%, a fronte di un 80% dei Comuni e di un 15 per cento delle Province. Per le comunita’ montane questi i dati nazionali (numero e costi) Consiglieri n.12.800, costo 1.705.728 euro; Assessori n. 4.200 costo 70.257.600 euro. I presidenti non figurano, poichè per legge devono optare fra l’indennità di sindaco e quella di presidente della Comunità
*Le Comunità montane sono 355. I consiglieri non hanno un’indennità, ma ricevono
un gettone di presenza (22,21 euro) per ogni seduta. Il totale annuo è stato calcolato dall’ufficio studi dell’Uncem stimando una media di 6 sedute nell’anno. Gli assessori sono pari a 1/3 dei consiglieri e la loro indennità è pari al 45% dell’indennità del sindaco di una città con lo stesso numero di abitanti della Comunità montana.”

condividi su: