Il direttivo del partito dà l'alt ad ulteriori fughe in avanti da parte di Epifani, al quale viene riconosciuta comunque la "legittimità" delle esternazioni esclusivamente personali

Rinnovo della fiducia al sindaco Ruggiano e richiamo benevolo al consigliere Epifani: è la strada mediana scelta dal direttivo tuderte di Fiamma Tricolore per uscire dall’angolo e cercare di ricomporre la crisi esplosa all’interno del centrodestra cittadino. Frasi e parole devono essere stati limati a lungo prima di dargli diffusione pubblica, pienamente coscienti che la situazione si è fatta delicatissima. Ciononostante la necessità di una presa di posizione era divenuta ormai non più rinviabile, pena l’ulteriore deteriorarsi dei rapporti. Da qui l’alt alle pur “legittime” uscite personali di Epifani, con una richiesta che è al contempo ultimativa ma fatta anche con la mano tesa.
“In seguito alle polemiche legate al volantino relativo al Todi Festival – scrive infatti il direttivo della sezione di Todi del Movimento Sociale Fiamma Tricolore – teniamo a precisare che, ferma restando la posizione nei confronti della manifestazione, la stessa non può essere intesa come un atto ostile al sindaco Ruggiano o alla coalizione che lo sostiene”. La premessa si rende necessaria per spiegare subito dopo che “il partito si dissocia dalle successive esternazioni del consigliere Epifani, che devono essere considerate come una legittima presa di posizione esclusivamente personale”.
Chiarita la posizione ufficiale con tali opportuni distinguo, il direttivo tuderte della Fiamma “si augura comunque che si possa giungere in breve tempo ad un superamento di tali frizioni individuando anche quei meccanismi che scongiurino il ripetersi di tali incresciose situazioni”.
Dopo averla presa un po’ alla larga, il comunicato torna ad affrontare l’emergenza politica di questi ultimi giorni, ovvero il comportamento di Epifani. “Certi che i consiglieri comunali nell’espletamento del loro mandato debbono rispondere solo alla loro coscienza – si legge nel documento – invitiamo il consigliere di Fiamma Tricolore a rapportarsi costantemente con la struttura del partito, anche perché è stato eletto con i voti di tanti iscritti, compresi quelli che non condividono certi atteggiamenti. Il troppo frequentemente ripetersi di prese di posizione esclusivamente personali rischia di creare confusione non solo nella coalizione di centrodestra che amministra la città, ma anche e soprattutto all’interno della nostra forza politica, cosa che potrebbe spingere qualcuno a sollecitare antipatiche prese di posizione a livello disciplinare”.
La nota si chiude rinnovando “la stima personale e la fiducia politica al sindaco Ruggiano” e auspicando “che si possa lavorare serenamente insieme per il bene di Todi, mettendo da parte eventuali contrasti personali che andrebbero comunque risolti senza rubare spazio agli impegni per i quali siamo stati chiamati a governare”.

condividi su: