I consiglieri comunali del centrosinistra Caprini e Giorgi chiedono una discussione pubblica alla presenza dell'assessore regionale Bottini e del presidente dell'ATO Arcudi

Torna a riaccendersi a Todi il dibattito sulla gestione dei rifiuti, questione sulla quale il Consiglio comunale dovrà tornare presto a pronunciarsi. In vista di quel momento, i consigliere Caprini (Rifondazione comunista) e Giorgi (Gruppo misto) hanno reso noto che chiederanno al presidente del Consiglio Pizzichini e in sede di conferenza dei capigruppo la convocazione del massimo consesso civico alla presenza dell’assessore regionale Bottini e del presidente dell’ATO Arcudi.
“Il dibattito sulla permanenza del Comune di Todi nell’Ato n. 2 per la gestione dei rifiuti e le problematiche relative alla gara per l’affidamento del servizio – scrivono i due consiglieri del centrosinistra – non può scadere nella mera querelle politica o nella superficialità. Le ripercussioni sulla qualità e i costi del servizio stesso impongono la massima cautela per giungere a scelte oculate nel pieno interesse dei cittadini”.
Da qui la richiesta dell’intervento di Bottini e Arcudi e dell’allargamento del dibattito alle organizzazioni sindacali e alle associazioni interessate. “Fermi restando tutti i dubbi su una proposta che contempli la gestione in autonomia sia sotto il profilo della legittimità sia sotto il profilo della sostenibilità economico- finanziaria da parte dell’ente – sottolinea il duo Caprini-Giorgi – siamo certi che l’assessore Bottini e il presidente Arcudi contribuiranno a far chiarezza di fronte alla città e a mettere il massimo consesso cittadino nella condizione di adottare le scelte più opportune ed appropriate per i cittadini”.

condividi su: