Condividi su facebook
Condividi su twitter
Dovendo fare una copertina locale con la quale rappresentare i dodici mesi che vanno in archivio la scelta cade giocoforza su Antonino Ruggiano
ruggiano

Chi è stato in ambito locale – intendendo con questo termine il comprensorio della media valle del Tevere dell’Umbria – il personaggio del 2007? L’uomo o la donna cui dedicare un’ideale copertina con cui rappresentare la principale novità dell’anno appena concluso?
Non è mai facile raccogliere un’indicazione univoca condivisa, sia perché il bombardamento informativo rende a distanza di tempo tutto più confuso, sia perché vi sono ambiti che godono di una diversa esposizione mediatica, che indubbiamente condiziona nell’espressione di un giudizio (il volontariato e la ricerca scientifica riscuotono ad esempio, anche a livello nazionale ed internazionale, molta meno attenzione della politica o dello spettacolo).
Avendo a disposizione una sola possibilità di scelta, il primo nome che viene alla mente è quello del nuovo sindaco di Todi Antonino Ruggiano, eletto a furor di popolo al turno di ballottaggio.
Al di là di simpatie o antipatie e delle diverse posizioni ideologiche, la conquista da parte sua della poltrona di primo cittadino ha rappresentato sicuramente un avvenimento storico – positivo per una parte, traumatico per l’altra – che ha travalicato i confini comunali e territoriali per diventare nell’Umbria “rossa” un caso regionale, guardato con particolare attenzione pure al di fuori del contesto politico.
Il suo è stato, come hanno dimostrato i numeri del primo e del secondo turno, un successo soprattutto personale e, in gran parte, anche imprevisto. Sì, imprevisto, nonostante quanto possano aver sostenuto in tanti ad esito ormai proclamato.
Oggi, a distanza di sei mesi dal suo insediamento, con la “luna di miele” con gli elettori che com’è naturale si è affievolita e con il sopraggiungere delle prime difficoltà della realtà amministrativa, qualcuno potrebbe anche non essere d’accordo con l’indicazione di Antonino Ruggiano come personaggio locale dell’anno, ma volendo restare ai fatti di tutti i dodici mesi è difficile non scegliere lui – il sindaco dell’ormai famoso slogan “con il sorriso sulle labbra” – come l’uomo cui dedicare l’ideale copertina 2007.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter