Condividi su facebook
Condividi su twitter
Dalla prima pietra del nuovo ospedale comprensoriale all'omicidio di Barbara Cicioni, dall'elezione di Ruggiano alle primarie del Partito Democratico, dalle tragedie del sabato a sera a Marsciano all'eco per l'uccisione di Meredith a Perugia
barbaracicioni

I fatti salienti del 2007 a livello locale? Come è d’uso a cavallo fra vecchio e nuovo anno, anche TamTam online prova ad enucleare quelli che sono stati gli avvenimenti più importanti degli ultimi dodici mesi nella realtà territoriale di cui la testata giornalistica è espressione.
Si tratta, come sempre accade in questi casi, di una selezione che alla fine risulta necessariamente una raffigurazione parziale dei tanti avvenimenti accaduti durante i 365 giorni, ma che grazie ad Internet può avvalersi anche delle statistiche dei contatti per enucleare gli argomenti che hanno suscitato maggiore interesse fra i lettori.

Gennaio è il mese nel quale diventa ufficiale l’appalto dei lavori per la costruzione a Pantalla del nuovo ospedale comprensoriale Marsciano-Todi-Deruta. L’affidamento risale in realtà alla fine dell’anno precedente, quando il direttore generale della Asl 2 Giuseppe Legato ha approvato i verbali della commissione giudicatrice della licitazione privata dalla quale è risultata aggiudicataria la Baldassini-Tognozzi-Pontello Costruzioni Generali di Roma.
A Marsciano intanto viene siglato il protocollo di intesa per la costruzione della nuova residenza per anziani che dovrà sorgere al posto dell’ex clinica Bocchini, mentre a Todi si celebrano i novant’anni della morte di Angelo Cortesi e viene presentato il progetto di ristrutturazione della casa di riposo di Cappuccini.

Febbraio è il mese nel quale vengono ufficializzate le prime due candidature alla poltrona di sindaco di Todi: sono quelle di Alessandro Servoli per il centrosinistra e di Antonino Ruggiano per il centrodestra. Più avanti si aggiungeranno alla corsa anche quelle di Giannini e Pazzaglia, ma sono i primi due che si giocheranno la partita sino alla fine, arrivando al ballottaggio dell’11 giugno.
Il marscianese Walter Orlandi prende invece la guida dell’Azienda ospedaliera di Perugia. In India viene inaugurato un simulatore spaziale prodotto dalla Angelantoni di Massa Martana alla presenza del presidente del Consiglio Romano Prodi.

Il 10 marzo, alla presenza delle massime autorità regionali e di tutti i sindaci della media valle del Tevere, viene posata la “prima pietra” del nuovo ospedale comprensoriale, opera pubblica che comporterà un investimento vicino ai 30 milioni di euro.
Il 21 marzo prende il via anche l’avventura di www.iltamtam.it, portale di informazione nato dall’esperienza del mensile fondato nel 1990 e diffuso gratuitamente a tutte le famiglie dei dieci comuni del territorio.

Ad aprile si infiamma la campagna elettorale nei Comuni dove si vota, in particolare a Todi dove il centrosinistra tarda a trovare la “quadra” e dove tiene banco per settimane l’ipotesi della candidatura del diessino Enzo Tomassini che su “iltamtam,it” diventa il famigerato “E.T.” protagonista di una serie di articoli. I tentennamenti e le trattative che lo riguardano saranno oggetto di articoli che contribuiranno a far salire gli accessi del sito oltre i mille al giorno. Vengono aperti anche i commenti i lettori, una novità che fa crescere esponenzialmente i visitatori.
A Ripabianca di Deruta muore in un’incidente stradale Emanuele Marinacci di Marsciano, un ragazzo di soli 23 anni.

Maggio è il mese dell’omicidio di Barbara Cicioni a Compignano di Marsciano, la donna incinta all’ottavo mese e madre di due bambini. Si tratta di un evento drammatico del quale “iltamtam.it” dà notizia per primo a livello nazionale. Sulla realtà marscianese si accendono per settimane i riflettori del circo della grande informazione, seguendo l’arresto del marito Roberto Spaccino e gli sviluppi delle indagini.
A Todi la campagna elettorale entra nel vivo e il 27 e 28 maggio si va alle urne: il risultato negherà la vittoria a Ruggiano per una manciata di voti, tra ricorsi e contestazioni. Tam Tam propone la diretta dello scrutinio riscuotendo un’attenzione concretizzatasi in migliaia e migliaia di contatti in poche ore.

A giugno Antonino Ruggiano viene incoronato al ballottaggio nuovo sindaco di Todi con quasi duemila voti di scarto sul proprio avversario: si tratta di un risultato eclatante che pone al momento in secondo piano anche il problema dell’anatra zoppa, ovvero di un Consiglio comunale con una maggioranza di centrosinistra. TamTam propone prima del secondo turno una video-intervista doppia Ruggiano-Servoli e quindi una nuova diretta dello scrutinio con tanto di proiezioni dopo i risultati dei primi due seggi: punta record di oltre 60.000 contatti in un giorno.

A luglio si insedia il Consiglio comunale di Todi in un’aula stracolma di gente. A “sorpresa” viene eletto presidente del massimo consesso civico il socialista Floriano Pizzichini. Ulteriori spaccature nel centrosinistra tuderte.
Si apre il Todi Arte Festival e durante la manifestazione si accende una polemica tra Epifani della Fiamma Tricolore e il sindaco. In un fine settimana sembra succedere di tutto, con dimissioni date e ritirate ed una crisi nei rapporti personali che non sfocia in alcun atto politico.
A Marsciano viene inaugurato il nuovo parcheggio a due piani di Via dei Ponticelli, posto a ridosso del centro storico. Nonostante l’imponenza dell’opera non mancano le polemiche per le modifiche alla viabilità urbana e per le tariffe della sosta a pagamento.

Agosto è un mese ugualmente vivace, con le polemiche politiche sempre alte a Todi, mentre a livello regionale fa notizia l’invio di due proiettili al presidente della Giunta regionale dell’Umbria Maria Rita Lorenzetti.
A livello di eco mediatica si registra un articolo sul prestigioso “The Times” di Londra che elogia la qualità dell’assistenza sanitaria italiana e in particolare il funzionamento dell’ospedale di Todi, dove il fratello della giornalista Rosemary Righter è stato curato.

Settembre vede l’Umbria occupata a ricordare il sisma del 1997 e a fare un bilancio dei dieci anni della ricostruzione. La regione riceve anche la visita del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Il comprensorio è interessato soprattutto per la presenza di Massa Martana, dove in realtà il sisma si era presentato in tutta la sua drammaticità nel mese di maggio.
Un po’ ovunque si inizia a parlare del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, con Deruta che esce dall’Ambito territoriale ottimale e Todi che minaccia di farlo. Il tema terrà banco a lungo, con dibattiti che coinvolgeranno realtà municipali grandi e piccole.

Ottobre è il mese della nascita, complici le primarie del 14 ottobre, del Partito Democratico. Ancora una volta il comprensorio vive l’evento politico da protagonista, sia perchè a diventare il nuovo segretario regionale sarà la massetana Maria Pia Bruscolotti (ex Margherita), sia perché tra i suoi sfidanti compare a sorpresa anche il sindaco di Marsciano Gianfranco Chiacchieroni, il quale raccoglierà alla fine l’8,72% dei consensi espressi dagli oltre 81 mila votanti. La Bruscolotti viene eletta con il 79% delle preferenze.
A San Venanzo viene inaugurato il restauro della Villa Faina, prestigioso immobile che dagli anni Sessanta è sede del palazzo municipale.

Novembre è il mese di Meredith, la studentessa inglese uccisa a Perugia in circostanze che via via che procedono le indagini si fanno sempre più complicate. In carcere finiscono Patrik Lumumba (poi scarcerato) insieme ad Amanda Knox e a Raffaele Sollecito e, successivamente, Rudy Hermanne Guede. La vicenda richiama un’attenzione con pochi precedenti nel mondo dell’informazione.
A livello locale il mese verrà ricordato anche per il grave incidente stradale che vedrà morire due giovanissimi ragazzi di Ammeto di Marsciano che stavano rientrando dalla discoteca: la tragedia scuote profondamente la comunità locale che si interroga e reagisce ponendo in essere alcune iniziative di contrasto ai problemi del sabato sera.

Dicembre è cronaca recente, con Marsciano che supera i 18.000 abitanti e Todi che si appassiona un po’ sul futuro direttore artistico del Festival, per il quale circola il nome di Maurizio Costanzo ma soprattutto intorno alla vicenda della cartelle ICI sui terreni fabbricabili inseriti nel nuovo Piano regolatore generale.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter