Condividi su facebook
Condividi su twitter
Il consigliere Battistelli richiama la convenzione del 2011 con il Comune che prevedeva la produzione di piante e l'occupazione di 5 persone
serre fotovoltaiche

Le serre fotovoltaiche che ricoprono i terreni dell’Università di Perugia a Sant’Angelo di Celle, a Deruta, non hanno ancora prodotto nulla, nonostante siano state realizzate da molti anni. Si tratta di 52 serre che ricoprano oltre 13 mila metri quadrati.
La segnalazione, a pochi giorni dal servizio di “Linea Verde”, che anche le serre aveva ripreso e citato, è del consigliere comunale Franco Battistelli della lista “Bene Comune” di Deruta.
Battistelli, documenti alla mano ricorda che la convenzione stipulata nel 2011 prevedeva la “coltivazione di piante officinali che meglio si adattano ad un ambiente scarsamente illuminato”, quindi in linea con l’ambiente dotato di impianti fotovoltaici per la produzione di energia. Gli accordi prevedevano “anche un incremento occupazionale di almeno 5 unità lavorative” ed un incremento della produzione agricola che però non vi sarebbe appunto mai stata.
Da qui delle lettere aperte inviate al Rettore già nel marzo del 2015, anche da parte della precedente Amministrazione comunale, ed ora una istanza discussa in data 26 marzo dalla massima assise cittadina.
Battistilli chiede che il Sindaco e la Giunta si impegnino “a intraprendere tutte le azioni necessarie per assicurare il pieno rispetto della Convenzione Comune di Deruta-Università degli Studi di Perugia per la realizzazione delle serre fotovoltaiche di San Angelo di Celle”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter