Condividi su facebook
Condividi su twitter

Da una recente intervista web, (rilasciata da un esponente della Giunta Comunale che pare sbarcato dalla luna!), abbiamo appreso che l’Amministrazione avrebbe deciso di istituire il varco elettronico all’ingresso del centro storico della città a partire dai “primi di Novembre”.

Se ciò corrisponde al vero, non risultano atti amministrativi in tal senso, saremmo difronte a una nuova iniziativa unilaterale presa dell’amministrazione sulla pelle della città senza alcun confronto con le categorie rappresentanti delle attività economiche e commerciali del centro storico, men che meno con le associazioni e i cittadini che popolano l’acropoli.

Assistiamo a una nuova iniziativa che testimonia la visione che sottende alle scelte dell’amministrazione che vede il centro storico come il “salotto buono” della città, aperto solo ai turisti e chiuso alla vita normale dei cittadini, così si chiude la Piazza, poi tutto il centro rendendo più difficoltoso l’accesso. Una visione antica, che isola il centro dal resto della città essendone invece uno dei cuori pulsanti, che dovrebbe muoversi in sinergia con quartieri e frazioni.

Assistiamo anche in questo ambito ad una totale assenza iniziativa strategica per il rilancio del centro storico che ne valorizzi le attività, che incentivi la presenza di servizi alle imprese e alla persona con l’investimento di risorse per favorire l’accesso al centro storico e la vita delle persone che vivono nel centro cittadino. 

Avevamo proposto che le risorse derivanti dall’istituzione della tassa di soggiorno, che l’Amministrazione Ruggiano ha voluto istituire d’imperio, anche in questo caso senza ascoltare le osservazioni e le proposte di categorie e cittadini, venissero utilizzate per realizzare nuovi servizi di accesso alla città e al centro storico, per razionalizzare e riorganizzare il servizio di trasporto pubblico. Avevamo chiesto la revisione del sistema di accesso al centro storico con la realizzazione di un nuovo sistema di risalita e una revisione complessiva del piano della mobilità. Ma niente, si va avanti per spot, su iniziativa dei singoli e senza ascoltare chi è direttamente coinvolto dalle decisioni già prese!

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter