La Presidente della Regione Umbria, sabato pomeriggio a Todi, in Piazza del Popolo, ha preso parte alla cerimonia inaugurale della riedizione dell’esposizione delle “Todi Columns”
todi columns

“L’installazione delle Todi Columns di Beverly Pepper, oggi come quaranta anni fa, rappresenta un grande evento internazionale che come allora ci emoziona e ancora di più ci riempie di gratitudine e orgoglio per la presenza e l’attività di una straordinaria artista che, così come queste sue monumentali sculture, hanno fatto e fanno svettare Todi e l’Umbria sulla scena dell’arte mondiale”. 

Lo ha sottolineato la Presidente della Regione Umbria che sabato pomeriggio a Todi, in Piazza del Popolo, ha preso parte alla cerimonia inaugurale della riedizione dell’esposizione delle “Todi Columns”, quattro sculture monolitiche alte fra gli 8 e i 12 metri, pensate per Piazza del Popolo dove sono state installate la prima volta nel 1979. 

“Todi – ha detto la Presidente, ricordando ‘le suggestioni e le emozioni provate da ragazzina non ancora adolescente con gli occhi all’insù nella piazza’ – accolse allora con stupore e curiosità le grandi colonne di Beverly Pepper, figlia dell’arte innovativa statunitense del dopoguerra che già da qualche anno aveva eletto la città a sua seconda patria, non senza una certa polemica sull’opportunità di collocare sculture contemporanee nella piazza per eccellenza del Medioevo umbro”. 

“Fu un grande successo ed ebbe ragione Beverly – ha proseguito – e le Todi Columns, simbolo della sfida di forza ed energia della sua arte, sono state poi protagoniste di diverse mostre negli Stati Uniti e in Italia. Ora sono state riprodotte fedelmente per questa rinnovata installazione che – ha aggiunto – si inserisce nel più ampio programma promosso dalla Fondazione Progetti Beverly Pepper, in collaborazione con il Comune di Todi, per onorare la presenza e la produzione di questa grande e straordinaria artista e che culminerà a settembre con l’inaugurazione del parco dedicato alle sue opere”. 

“La Regione – ha detto – ha accolto e sostenuto questo progetto, nell’ambito del programma regionale degli ‘attrattori culturali’ dell’Umbria, che vedrà nascere a Todi, lungo un percorso che collegherà l’area del Tempio della Consolazione al centro storico,  il primo parco monotematico di scultura contemporanea in Umbria e il primo dell’artista nel mondo, stabilendone così la permanenza nel tempo a Todi e in Umbria grazie alla forza simbolica ed emozionale dell’opera d’arte, della scultura e della sua materia. Un modo – ha concluso – per esprimere la gratitudine delle istituzioni a una grande artista che ha scelto l’Umbria quale luogo di vita e lavoro artistico, affascinata dai nostri luoghi e restituendoci fascino con le sue opere d’arte. Grazie, Beverly!”. 

condividi su: