Dati e previsioni meteorologiche in tempo reale, aggiornate ogni 15 minuti, grazie ad un'innovativa strumentazione installata dall'Istituto Agrario Ciuffelli
Senza nome

Da alcuni giorni Todi può avvalersi di una nuova stazione meteo che è in grado di monitorare, grazie ai suoi sensori, tutte le variabili climatiche e di restituire i dati ogni 15 minuti con un’applicazione che permette di visualizzarli su smartphone, tablet e PC attraverso grafici che rendono disponibili, grazie ad appositi modelli matematici, anche le previsione per le prossime ore e per i prossimi giorni.

L’innovativa centralina Meteus è stata installata dall’Istituto Agrario di Todi a servizio della propria azienda, visto che una serie di modelli di rischio sono in grado di fornire informazioni dettagliate (anche tramite allert telefonici) sullo sviluppo di una determinata malattia e al contempo strumenti di aiuto alle decisioni agronomiche e alla gestione in automatico delle registrazioni delle operazioni colturali su Geofolia, un software collegato, anch’esso fornito dalla multinazionale Isagri.

Meteus è posizionata a 309 metri sul livello del mare (latitudine N 42° 47′ 12″ – longitudine E 12° 24’ 36”), all’inizio del viale di accesso allo storico complesso scolastico, noto anche come Cittadella Agraria.
Significativa la scelta di installare la nuova centralina a fianco le storiche capannine meteo del “Ciuffelli”, le cui prime rilevazioni pluviometriche risalgono al 1882-1883 (Cfr. G. Roster, Climatologia dell’Italia, UTET Torino, 1909, pag. 117 e 852). Osservazioni sistematiche più complete, sullo stesso luogo e con le stesse strumentazioni, sono invece disponibili a partire dal 1931 e sono proseguite pressochè ininterrotte, salvo il periodo bellico tra il 1943 e il 1945, fino ai giorni nostri, tanto da diventare oggetto del volume “Diario Meteorologico di Todi 1950-2010” frutto del lavoro del Professor Roberto Nasini.

I dati e le previsioni della stazione meteo saranno resi consultabili in tempo reale sul sito dell’Istituto Agrario di Todi a partire dal 1 maggio.

condividi su: