Soltanto 8 le municipalità con più di 15 mila abitanti, dove è possibile il ballottaggio al secondo turno: tra queste c'è Marsciano
urne_3

Sono 63 comuni chiamati al voto in Umbria sabato 26 maggio, con complessivamente 408.340 cittadini coinvolti nel voto amministrativo per scegliere i sindaci e i consiglieri comunali. Soltanto 8 le municipalità con più di 15 mila abitanti, dove è possibile, nella maggior parte dei casi assolutamente probabile, il ballottaggio al secondo turno: Perugia, Bastia Umbra, Castiglione del Lago, Foligno, Gualdo Tadino, Gubbio, Marsciano e Orvieto.
Dei Comuni al voto 48 sono adesso guidati da coalizioni di centrosinistra ed 11 di centrodestra. Tra i candidati sindaco ci sono 38 primi cittadini uscenti che chiedono di essere confermati.

Nello specifico, in provincia di Perugia si vota a Bastia Umbra, Campello sul Clitunno, Castel Ritaldi, Castiglione del Lago, Cerreto di Spoleto, Citerna, Città della Pieve, Collazzone, Costacciaro, Foligno, Fossato di Vico, Fratta Todina, Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo, Gualdo Tadino, Gubbio, Lisciano Niccone, Magione, Marsciano, Massa Martana, Monte Castello di Vibio, Montefalco, Montone, Norcia, Paciano, Panicale, Perugia, Piegaro, Pietralunga, Poggiodomo, Preci, San Giustino, Sant’Anatolia di Narco, Scheggia e Pascelupo, Scheggino, Sellano, Sigillo, Spello, Torgiano, Tuoro sul Trasimeno, Vallo di Nera.
Invece, in provincia di Terni, elezioni amministrative a Acquasparta, Allerona, Alviano, Arrone, Baschi, Castel Viscardo, Fabro, Ferentillo, Ficulle, Guardea, Lugnano in Teverina, Montecchio, Montefranco, Montegabbione, Monteleone d’Orvieto, Orvieto, Penna in Teverina, Polino, Porano, San Gemini, San Venanzo, Stroncone.

condividi su: