Al maggior controllo del territorio comunale per contrastare l’abbandono dei rifiuti, si affianca la costante crescita di utenti del Centro del riuso che contribuisce ad abbattere la quantità di rifiuti e ad accrescere la solidarietà
rifiuti_abbandonati1

Raddoppierà il numero di fototrappole sul territorio comunale di Marsciano. Ai tre apparecchi già in uso da oltre sei mesi e utilizzati per evitare l’abbandono dei rifiuti se ne aggiungeranno presto altri tre forniti al Comune da AURI (Autorità Umbra Rifiuti e Idrico).

In questi mesi, a fronte di una decina di sanzioni elevate grazie all’uso di tali sistemi di controllo, si è potuta registrare l’eliminazione del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nei diversi posti dove le fotocamere sono state utilizzate. La gestione dei nuovi apparati sarà ancora affidata alla ditta Geotech che ha gestito la prima fase di sperimentazione. Con le sei fototrappole, che saranno periodicamente spostate su tutto il territorio comunale, si potrà garantire un controllo più capillare a cominciare da alcune zone già segnalate come luogo di abbandono di rifiuti a Papiano Stazione, Cerqueto e molte altre frazioni.

Ai buoni risultati ottenuti nel contrasto all’abbandono dei rifiuti si aggiungono, sempre nell’ottica della tutela ambientale e della diffusione della cultura della solidarietà, anche i numeri in costante crescita del Centro del riuso di Marsciano, aperto da 4 mesi presso l’isola ecologica in località Pettinaro e gestito dall’Associazione Caritas “Casa di Betlemme”. Il Centro permette, infatti, il riutilizzo gratuito di beni usati che sono ancora funzionanti, contribuendo in questo modo anche all’abbattimento dei rifiuti. Il Centro del Riuso ha riscosso fin dalla sua apertura un grande apprezzamento da parte degli utenti provenienti da Marsciano e dai comuni limitrofi come anche da altri territori. Dei 222 utenti ad oggi registrati (ricordiamo che erano 81 alla fine del primo mese) ben 191 provengono da Marsciano, 8 da Perugia, 7 da Collazzone, 5 da San Venanzo, 4 da Fratta Todina, 3 da Deruta, 2 da Todi e addirittura 2 da fuori regione. All’incremento degli utenti ha fatto seguito quello dei conferimenti, 424, e dei prelievi, 375, a dimostrazione che il Centro sta diventando un importante punto di riferimento nel ciclo del recupero e riutilizzo di beni. Tra le tipologie di beni maggiormente conferiti ci sono: passeggini, carrozzine, fasciatoi, giocattoli, biciclette, stampanti, monitor, router, pentole e stoviglie, macchina caffè, stufe, ferro da stiro, tostapane, catene neve, televisori, lettori DVD, valige, sedie, scrivanie, armadi e molto altro

Il Centro del riuso è aperto nelle mattine di lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e nei pomeriggi di mercoledì e sabato dalle 14.00 alle 17.00. Tutti i cittadini maggiorenni, imprese o enti del territorio dei Comuni interessati possono consegnare a titolo gratuito beni in buone condizioni e funzionanti.  Gli addetti del centro ne verificheranno le condizioni e dopo la presa in carico li renderanno disponibili all’interno dell’immobile-magazzino.

Nelle prossime settimane il Centro sarà anche oggetto di visite da parte degli delle scuole primarie come occasione di conoscenza della struttura e di educazione alla politica Rifiuti Zero.

I beni che vengono portati sono classificati in base alla tipologia ed è assegnato ad essi un punteggio (max 10 punti) prima di essere sistemati nell’area espositiva. Il prelievo dei beni può essere effettuato gratuitamente da privati cittadini, associazioni di volontariato onlus, organizzazioni no profit e istituti scolastici. Per ciascun utente il limite è di 2 prelievi al mese e di 30 punti per ciascun prelievo.

Per informazioni si possono contattare i seguenti recapiti: centroriuso@comune.marsciano.pg.it – tel. 3346628672

condividi su: