17 ragazzi, alcuni anche minorenni, sono finiti nei guai: 3 gli arresti e 14 le denunce; segnalati anche altri 18 consumatori
terni_carabinieri__2_2

I Carabinieri del Comando Stazione di Todi  hanno concluso un’indagine che ha visto coinvolti diciassette ragazzi, tra maggiorenni e minori ritenuti responsabili di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e/o di detenzione per uso personale.

I militari operanti, dopo otto mesi di servizi di osservazione di un gruppo di giovani della Media Valle del Tevere, sono riusciti a ricostruire una fitta rete costituita da giovani dediti allo spaccio  e consumo personale di sostanze stupefacenti che accadeva anche in prossimità delle scuole. 

L’attività investigativa, scandita da diverse fasi ha permesso di deferire alla Autorità Giudiziaria, diciassette ragazzi, di cui tre in stato arresto e 14 in stato di libertà, nonchè segnalare all’Autorità Amministra altri diciotto  giovani sorpresi proprio nel momento in cui stavano consumando stupefacenti.

Le perquisizioni effettuate hanno consentito, inoltre,  di recuperare 80 grammi di hashish e marijuana, otto piante canapa indiana e di  rinvenire in una serra  attrezzi per la coltivazione e materiale per il  confezionamento dello stupefacente. La droga e tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

Le operazione, in ultimo, ha portato, oltre ai risultati conseguiti, nel corso del tempo,  di un provvedimento cautelare riguardante undici persone, cinque agli arresti domiciliari, sei sottoposti all’obbligo di firma e di dimora emessi dall’Autorità Giudiziaria.

condividi su: