Lavarsi e cucinare con bottiglie di ferrarelle può sembrare un lusso o una follia culinaria in qualsiasi altro paese d’Europa.
Siamo all’ottavo giorno senza un goccio di acqua. TOTALE silenzio da Umbra Acque e incapacità del Comune di risolvere e capire il grave problema. 4Km di strada bianca (o dovrei dire di mulattiera) che il Comune lascia in stato di abbandono perenne,
sono un’impresa pure per un’autobotte che malvolentieri affronta il viaggio.
Siamo in Sudan?? In Eritrea?? No, siamo a Cordigliano frazione di Todi… la città ideale e più vivibile del mondo… ma solo per chi abita in Paese.. che pare anche che non se la passi tanto bene da qualche giorno.
Da una settimana non c’è nemmeno internet e sto mandando questa da casa di amici… (pure loro senza acqua!)
Ho acceso la TV stamattina e sento i nostri politici dire che vorrebbero essere rispettati in Europa… beh, nel resto di Europa in questa circostanza la società erogatrice di acqua avrebbe contattato gli utenti interessati per avvertire e scusarsi del disagio spiegando il problema. Il rispetto si guadagna con comportamenti civili.
Guardo i miei gerani infelici con un gran senso di frustrazione!

condividi su: