Il candidato sindaco torna tra i banchi del Consiglio Comunale di Monte Castello dopo 35 anni
montecastellovibio1

In occasione dell’insediamento del Consiglio Comunale di Monte Castello di Vibio di qualche giorno fa, Alviero Palombi, che guiderà l’opposizione per i prossimi cinque anni, ha colto l’occasione per fare gli auguri al Sindaco Daniela Brugnossi e non ha nascosto la sua emozione per ritornare, anche se all’opposizione, su quei banchi che 35 anni a lo avevano visto primo cittadino.

Faremo una opposizione attenta e vigile e se sarà possibile, come spero, anche costruttiva”, ha detto Palombi, condividendo le deleghe assegnate ai Consiglieri Comunali, purché il loro contenuto sia coerente con la funzione istituzionale cui si riferisce.
Palombi tiene a precisare che “il Consigliere Comunale svolge la sua attività istituzionale come componente di un organo collegiale che compie un’attività di indirizzo e controllo politico-amministrativo… quindi sarà necessario evitare che concentrando in capo al Consigliere Comunale “deleghe” si corra il rischio di fare confusione tra il ruolo di controllore e controllato. Pertanto sarà necessario apportare modifiche all’attuale Statuto Comunale ed al Regolamento sul funzionamento del C.C. per precisare il ruolo dei Consiglieri Delegati. Allo stato di fatto risulta possibile fare nomine solo per la composizione delle Commissioni Consiliari. È pur vero che amministrare un comune, anche se piccolo, comporta un lavoro enorme e attento come un comune grande e con solo due assessori non è cosa facile, visto la mole di progetti, oltre al lavoro quotidiano, che bisogna mettere in campo per il benessere comune dei cittadini amministrati”.

In conclusione Alviero Palombi ha richiesto: che il comune sia il punto di riferimento di tutti e che nel corso del mandato prevalga la linea del fare insieme in quanto alcuni punti del programma elaborato dalle due liste coincidono; che l’attuale maggioranza applichi, in futuro, un principio a lui molto caro “costruire ponti che uniscono e non muri che dividono”.

condividi su: