Un duro giudizio è arrivato dal Tribunale del Riesame per le tre figure politiche coinvolte nell’inchiesta sui concorsi truccati
ospedale-di-perugia

“I referenti politici individuati nel corso dell’indagine non possono considerarsi una sorta di corpo estraneo al sodalizio”. Questo in sostanza il duro giudizio del Tribunale del Riesame che ipotizza nei confronti dei tre politici coinvolti nell’inchiesta sui concorsi truccati presso l’azienda ospedaliera di Perugia, ovvero Giampiero Bocci, Luca Barberini e Catiuscia Marini,la partecipazione all’associazione a delinquere”.

Secondo il Tribunale del Riesame, il fatto che i tre non siano stati provvisoriamente inclusi dal Pubblico Ministero nel delitto associativo, non significa che questo possa inficiare un diverso successivo quadro accusatorio.
Per il Tribunale, infatti, dagli atti emergerebbero “consistenti indizi di partecipazione di Bocci, Barberini e Marini all’associazione per delinquere”.
I Giudici attribuiscono infatti un “ruolo apicale al potere politico che avrebbe indirizzato i concorsi più importanti”.

condividi su: