I tirocini sono finalizzati all’inclusione sociale di persone disoccupate, in collaborazione con il servizio di inserimento sociale e lavorativo per fasce deboli della popolazione (Sal)
lavoro

La Zona sociale n. 4 attiva 21 tirocini presso aziende del territorio della Media Valle del Tevere, per favorire il reinserimento socio-lavorativo. I 21 tirocini, della durata di 6 mesi, saranno attivati entro il 2019 e andranno a completare i percorsi iniziati nell’ambito del Rei, il Reddito d’inclusione. 

Il Comune di Marsciano, capofila della Zona sociale n. 4 che comprende anche i territori di Collazzone, Deruta, Fratta Todina, Massa Martana, Monte Castello di Vibio, San Venanzo e Todi, sta lavorando all’attivazione di 21 tirocini finalizzati all’inclusione sociale di persone disoccupate in collaborazione con il servizio di inserimento sociale e lavorativo per fasce deboli della popolazione (Sal). Si tratta di interventi che riguardano persone segnalate dai Servizi sociali dei Comuni della Zona e che sono inserite nel programma di sostegno rappresentato dal Rei, il Reddito d’inclusione, attivato a partire dal 2018 e finanziato nell’ambito del Programma Operativo Nazionale sull’Inclusione.  

Questi tirocini vanno quindi a completare tale percorso, affiancando in questo modo al sostegno economico anche un reinserimento nel mondo del lavoro con il recupero e l’acquisizione di competenze professionali.

I tirocini saranno attivati entro il 2019 presso aziende del territorio e avranno una durata di 6 mesi, con un importo mensile di 600 euro lordi per 30 ore lavorative settimanali. Per ogni soggetto sono stati strutturati percorsi individuali di accompagnamento e orientamento al lavoro in modo da valorizzare le competenze e attitudini possedute da ciascuno e renderle spendibili, anche attraverso potenziamento formativo, presso l’azienda individuata per il tirocinio. 

Le risorse a disposizione della Zona sociale per attivare questi 21 tirocini saranno presto incrementate con ulteriori fondi che permetteranno l’attivazione di nuovi percorsi lavorativi e formativi. 

condividi su: