Il decreto legge contenente le agevolazioni fiscali per gli investimenti pubblicitari incrementali è stato approvato in via definitiva dal Parlamento
pubblicita1

Torna il bonus pubblicità per l’anno 2019, anzi dovrebbe diventare una misura strutturale, valida quindi anche per gli anni futuri. Il provvedimento è stato adottato con l’approvazione del decreto-legge 28 giugno 2019, n. 59 (AC. 2019), sia alla Camera dei deputati che al Senato (numero AS. 1374-B).

Grazie alla presentazione di un emendamento, è stato reintrodotto il credito d’imposta per le aziende che effettuino degli investimenti pubblicitari incrementali nei giornali e nelle TV locali per il 2019, rispetto a quanto speso nell’anno 2018. L’approvazione definitiva c’è stata martedì 6 agosto, ma per l’effettiva efficacia giuridica, si deve attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
Le aziende quindi potranno beneficiare di un credito di imposta pari al 75% delle spese sostenute per la pubblicità incrementale; in pratica investendo per esempio 1.000 euro in più rispetto all’anno precedente, un’azienda potrà pagare 750 euro di tasse in meno.

Speriamo che la sopravvenuta crisi di governo di ieri, non comprometta il percorso dei decreti attuativi, per rendere operativa la norma. Le domande dovranno essere presentate dall’1 al 31 ottobre 2019, per i contratti pubblicitari del corrente anno.

Nel 2018, sono state oltre 4.800 le aziende che hanno potuto usufruire del bonus pubblicità, con un evidente vantaggio per tutte quelle imprese che hanno deciso di investire con lungimiranza sulla comunicazione aziendale.

condividi su: