Il 12-13-14 ottobre, l'ASD Arcus Tuder di Todi, organizza i festeggiamenti per il Santo Patrono con molte iniziative nel centro storico della città
disfida 2019

Anche quest’anno, come ogni ottobre a Todi, si rinnovano i festeggiamenti per il Santo Patrono Fortunato, protettore della città, nella splendida cornice del centro storico ed in particolare della elegante Piazza del Popolo.

Una rievocazione storica che va arricchendosi di nuovi eventi di anno in anno, grazie all’appassionato impegno dell’ASD Arcus Tuder di Todi che, oltre ad essere stata l’ideatrice dell’evento 5 anni fa, ne è ancora l’anima pulsante, avvalendosi dell’importante collaborazione del team di Todiguide, guide turistiche di Todi e dell’Umbria.

Anche da parte della Chiesa di Todi, nella figura di Don Francesco Valentini e di Don Marcello Cruciani, c’è stata subito una chiara volontà di supportare il progetto che mira soprattutto ad onorare degnamente il Santo Patrono della città, San Fortunato. Un ulteriore e fondamentale sostegno è anche venuto dall’Amministrazione Comunale che negli ultimi 3 anni ha scommesso molto su questa rievocazione storica, credendoci fino in fondo e ritenendola di così alto livello, tanto da essere paragonabile ad altri simili eventi che ormai da anni hanno luogo in molte città dell’Umbria.

In questi tre giorni, Todi si troverà a fare un tuffo all’indietro nel XIII secolo con:

Il Mercato Medievale “Tipico Todi”, giunto ormai alla sua 10° edizione. La mostra mercato occupa parte della Piazza del Popolo e la zona dei Voltoni comunali, con espositori e banchi rigorosamente in stile medievale, artigianato locale , hobbistica ed il meglio dell’enogastronomia umbra

Il torneo di tiro con l’arco “Il palio dell’aquila” che si svolgerà sabato pomeriggio sulla scalinata del duomo e che vedrà sfidarsi gli arcieri dei sei rioni storici di Todi.

•Il torneo di tiro con l’arco “La Disfida di San Fortunato” che avrà luogo domenica mattina nel centro storico su un percorso di 10 piazzole: si sfideranno circa 180 arcieri provenienti da tutta Italia. Il vincitore sarà nominato “arciere di San Fortunato”

•Le esibizioni dei Musici e Sbandieratori Arcus Tuder, un gruppo di ragazzi tuderti che in soli due anni è riuscito a formare una compagnia numerosa ed affiatata di tamburini e sbandieratori che già ha ottenuto riconoscimenti esibendosi in altre rievocazioni storiche italiane.

•Le danze della Compagnia Medievale di Todi: un’altra piccola eccellenza tuderte, visto che le loro esibizioni sono sempre molto richieste ed applaudite in tutte le feste storiche del centro Italia. Il gruppo è formato da 10 elementi, sia ballerine che ballerini: quest’ultimi con piacere si esibiscono anche in dimostrazioni di combattimento corpo a corpo con riproduzioni di armi medievali.

• Il Banchetto Medievale: quest’anno per la prima avrà luogo il Banchetto Medievale nella splendida cornice della Sala delle Pietre. Tutti i commensali dovranno venire costume medievale ed oltre ad un prelibato menù in stile antico, potranno anche gustare musica e danze durante la cena.

•Il Villaggio Medievale ed il Rogo della Strega Matteuccia, a cura dell’Associazione Micromedia di Perugia. Il villaggio verrà allestito nella pittoresca Via del Monte, mentre la rievocazione del rogo di Matteuccia avrà luogo nella piccola e suggestiva Piazza del Montarone.

•Il Corteo Storico che si svolgerà domenica pomeriggio  e che muoverà attraverso le caratteristiche vie del centro storico: circa 700  figuranti hanno sfilato nel corteo 2018. Durante la sosta in Piazza del Popolo si potrà godere delle esibizioni di musici e sbandieratori provenienti da diverse città: in particolare i piccoli tamburini della Quintanella di Foligno

•La giornata dei bambini “San Fortunato, la festa pe’ li potti de Todi”. Il 14 ottobre, il vero giorno della festa patronale, sarà interamente dedicato ai bambini tuderti con attrazioni e giochi di tutti i tipi: i laboratori, le dimostrazioni dell’arte della falconeria con spiegazioni e voli a cura di “Zefiro Falconeria”, i divertenti spettacoli itineranti de “La Compagnia di Santo Macinello” e i giochi tradizionali di Ludobus-Legnogiocando.

•Conferenza sulla figura storica di San Fortunato e presentazione del libro a fumetti “Fortuna che c’è Fortunato” ideato e realizzato da Don Marcello Cruciani. L’evento, al quale parteciperà anche il Dott. Filippo Orsini, direttore dell’archivio storico di Todi ed esperto di storia tuderte, avrà luogo nella Sala Affrescata del Palazzo Vescovile alle 15:30.

Per maggiori informazioni e per il programma completo: pagina Facebook @ladisfidadisanfortunato oppure il sito web www.ladisfidadisanfortunato.home.blog

condividi su: