Siamo al 5 novembre e dell’apertura della scuola comunale di musica di Todi non si sa nulla. Come allievo della scuola mi pongo la domanda: che succede? Tutte le attività scolastiche sono iniziate, le scuole di musica in Umbria hanno da tempo cominciato le lezioni (addirittura Marsciano ha cominciato un mese fa dopo aver varato un fortunatissimo open-day).
Della scuola comunale di musica di Todi si era detto che avrebbe iniziato all’inizio di novembre (peraltro con un mese di ritardo rispetto a quanto promesso l’anno scorso dal sindaco), ma apprendo oggi che l’apertura è stata rimandata a data incerta. Veramente è da tempo che la gestione della scuola da parte della amministrazione comunale è, per così dire, piuttosto “improvvisata”: bandi di gara rimandati, attribuzioni contraddistinte da lentezza, pubblicazioni “alle calende greche”, burocrazia improntata a tempi biblici.
Ricordo di aver piacevolmernte ascoltato a più riprese il sindaco e l’assessore alla cultura tessere le lodi di questa scuola che in tanti anni ha svolto un ruolo importante nella vita culturale cittadina. A loro, al presidente della associazione che gestisce la scuola (la stessa associazione che gestisce la scuola di Marsciano), al direttore dell’ufficio cultura chiedo da cittadino prima che da allievo spiegazioni.
Per favore, però, risparmiatemi il solito panegirico politichese e ditemi come stanno le cose.

condividi su: