Condividi su facebook
Condividi su twitter
Visitea cura degli Apprendisti Ciceroni da lunedì 25 novembre a sabato 30 novembre 2019 in Umbria
7. Apprendisti Ciceroni © FAI - Fondo Ambiente Italiano

Tornano per l’ottavo anno consecutivo le Mattinate FAI d’Inverno, il grande evento nazionale del Fondo Ambiente Italiano pensato per il mondo della scuola e in particolare dedicato alle classi iscritte al FAI, durante le quali gli studenti saranno chiamati a mettersi in gioco in prima persona per scoprire le loro città da protagonisti. Proprio come le recenti Giornate FAI d’Autunno, questa ottava edizione sarà dedicata all’Infinito di Giacomo Leopardi, giovane che duecento anni fa, a soli 21 anni, scrisse la sua poesia più celebrata, in quell’Orto sul Colle dell’Infinito che è stato inaugurato dal FAI con il Comune di Recanati e il Centro Nazionale di Studi Leopardiani il 26 settembre 2019 a Recanati, primo Bene in concessione alla Fondazione nelle Marche.
Da lunedì 25 novembre a sabato 30 novembre 2019 gli allievi delle classi “Amiche FAI” saranno invitati a conoscere il patrimonio storico e artistico del loro territorio accompagnati dagli Apprendisti Ciceroni, studenti appositamente formati. Grazie alle Delegazioni FAI attive su tutto il territorio nazionale saranno aperti più di 200 tesori selezionati perché speciali, curiosi, originali o bellissimi in oltre 100 città d’Italia.

TRA I BENI APERTI IN UMBRIA:

PERUGIA – Cattedrale di San Lorenzo

La Cattedrale di San Lorenzo è uno scrigno di opere d’arte e reliquie gelosamente custodite dalla città e si caratterizza per la combinazione di interventi di epoca e stile diversi. Si erge imponente tra Piazza Danti e Piazza IV Novembre. Voluta dal popolo perugino nel 1300, fu realizzata nella seconda metà del 1400, sostituendo la precedente edificazione romanica. All’interno si possono ammirare le vetrate cinquecentesche, lo splendido Coro ligneo, la veneratissima immagine della Madonna delle grazie, il Gonfalone di Berto di Giovanni, con una rara veduta della città di Perugia precedente la Rocca Paolina, la magnifica tela manierista con la “Deposizione dalla Croce” dell’urbinate Federico Barocci, gli splendidi affreschi della Sacrestia; la Cappella di S. Giuseppe che conserva il Santo Anello della Vergine e il suo reliquiario dorato; il dipinto d’altare “lo Sposalizio della Vergine”; i dipinti del Bruschi e le vetrate del laboratorio Moretti-Caselli di Perugia.

Visite a cura degli Apprendisti Ciceroni dell’Istituto “Giordano Bruno” e del Liceo scientifico “G. Alessi” di Perugia.

SPOLETO (PG) – Palazzo Racani – Arroni

Palazzo Racani – Arroni è un palazzo rinascimentale con facciata decorata a graffito, ricche finestre e una lunga loggia al terzo ordine. L’ingresso al piano terra immette nel piccolo cortile impreziosito dall’affascinante ninfeo posto sulla parete di fondo. La vasca poggia su un’alta base a forma di roccia; sopra di essa, una profonda nicchia ospita tre grandi figure in stucco e culmina in una lunetta a forma di conchiglia, con le valve di stucco verde e ocra, inframmezzate da piccole autentiche conchiglie. Il palazzo è proprietà della Fondazione Centro Studi sull’Alto Medioevo, che attualmente ha qui i suoi uffici, inoltre ospita la sede di rappresentanza della Fondazione Festival dei Due Mondi. Nel corso delle visite saranno illustrati brevemente anche la piazza del Duomo e i monumenti che la circondano.

Visite a cura degli Apprendisti Ciceroni del Liceo “Sansi Leonardi Volta” Spoleto.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter