Condividi su facebook
Condividi su twitter
Approvato il piano attuativo: prende sempre più forma il polo della terza età del quale è promotrice la Fondazione Marscianese
anziani

È stato approvato dal Comune di Marsciano il piano attuativo dell’area dove sorgerà il centro residenziale per over 65 della Fondazione Comunità Marscianese. Si tratta della Residenza Senior, un complesso composto da piccoli appartamenti che sarà realizzata nell’area della ex clinica Bocchini, in Salita Biscarini. Stiamo ora procedendo al progetto esecutivo – spiega il Presidente della Fondazione Comunità Marscianese Giovanni Marcacci – per la definizione di costi e finiture della struttura. Il nostro obiettivo è di poterlo condividere con la cittadinanza entro i primi due mesi del 2020 e dare poi il via ai lavori entro la successiva estate”.

Oltre agli aspetti prettamente tecnici e gestionali, in questa fase la Fondazione sta lavorando anche all’individuazione di altri servizi che la struttura potrebbe offrire, destinando alcuni dei posti disponibili a persone con disabilità prive di sostegno familiare, come disposto dalla Legge sul “Dopo di noi”. E in tal senso proprio la particolarità della struttura, che sarà modulare, potrebbe favorire tale opportunità. L’edificio, originariamente pensato come composto di alloggi di circa 55 metri quadrati destinati a over 65, da soli o in coppia, sarà infatti realizzato in tre blocchi, che pur collegati resteranno autonomi.

L’idea – spiegano dalla Fondazione – è di destinare due blocchi, rispettivamente di 6 e 4 appartamenti, agli over 65 che, pur autosufficienti, necessitano vivere comunque in una comunità ‘assistita’. Il terzo blocco, sempre di 4 appartamenti, potrà invece essere riservato alle persone disabili. Un totale di 14 appartamenti, su due livelli più seminterrati, cui si aggiunge un’ampia area comune.

La struttura è, di fatto, uno degli elementi cardine di quello che a Marsciano sarà un vero e proprio polo della terza età. A pochi metri, infatti, c’è la struttura dell’ex hotel Arco, dove saranno attivati dalla cooperativa Socialarc importanti servizi quali la Residenza Protetta per Anziani (Rpa), un Centro diurno e una Residenza servita.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter