Condividi su facebook
Condividi su twitter
L’assessore alla sanità Luca Coletto, assicura che verranno ripristinati al più presto i servizi per dare continuità al Registro Tumori umbro
Luca Coletto

“Fa piacere constatare che la Commissione sanità e Servizi sociali dell’Assemblea legislativa abbia scattato una fotografia della realtà che abbiamo ereditato. Di certo, lavoreremo affinché servizi di grande eccellenza e fondamentali per la salute di tutti i cittadini vengano ripristinati”: lo afferma l’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, in seguito alle audizioni che in Terza Commissione consiliare hanno fatto emergere i tagli alla convenzione tra Regione e Università per garantire continuità al Registro tumori umbro e difficoltà nella gestione della Rete oncologica regionale.

L’assessore Coletto, sottolineando l’importanza della prevenzione per la lotta ai tumori, ha ricordato di “aver voluto prevedere nel Patto della Salute, che presto ci auguriamo si converta in legge, l’abbassamento dai 50 ai 40 anni dell’età delle donne inserite nel percorso gratuito di screening mammografico, visto i casi sempre più frequenti di donne sotto i 50 anni affette da patologia tumorale al seno”. 

“Per quanto riguarda il Registro dei tumori – ha proseguito – siamo consapevoli dell’importanza del servizio anche per verificare le azioni sul fronte della prevenzione oncologica e, a breve, firmeremo la convenzione per far ripartire l’attività”.

“Proprio per non disperdere questo grande valore – ha detto Coletto – abbiamo fatto vari incontri finalizzati a garantire la continuità del servizio. Inoltre, visto che il Registro dei Tumori umbro è in convenzione con l’Università, nell’ambito delle azioni previste dal Memorandum firmato nei giorni scorsi, si potrà inserire anche la questione del Registro che, pur essendo tra i primi – se non il primo a livello nazionale – con una strutturazione d’eccellenza, nella passata legislatura è stato abbandonato e non più rifinanziato.”. 

“Fa piacere, comunque – ribadisce l’assessore – vedere che la Commissione abbia preso atto della situazione che ha lasciato la precedente amministrazione. È una delle pagine del libro bianco che scriveremo”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter