Condividi su facebook
Condividi su twitter
L’iniziativa ha coinvolto, con il progetto Roarr!, le classi seconde della scuola elementare di Ammeto
Scuola al centro raccolta Marsciano (1)

Una mattinata passata a riciclare e a scoprire come funziona il centro di raccolta presente a Marsciano, a ridosso del centro urbano in località Pettinaro. L’iniziativa ha coinvolto, martedì 4 febbraio 2020, le seconde classi della scuola primaria di Ammeto, a Marsciano, nell’ambito del progetto didattico “Roarr! Risparmia, ricicla…ruggisci!
Giunto alla sua terza edizione, si tratta di un progetto di sensibilizzazione ambientale che si rivolge alla comunità scolastica. In particolare,gli studenti, ma anche gli insegnanti e le famiglie sono chiamati ad adottare alcune buone partiche in ottica di tutela dell’ambiente e risparmio energetico e a dare visibilità alle azioni realizzate con foto e video da pubblicare in una piattaforma online che il progetto mette a disposizione.

E così, accolti dagli operatori della Sia, i giovani studenti insieme ai loro insegnanti hanno potuto documentare il lavoro che si svolge in un centro di raccolta, dove tutti i cittadini possono conferire gratuitamente i propri rifiuti in forma differenziata. E, soprattutto, hanno potuto smaltire il frutto delle loro attività di raccolta differenziata. Hanno infatti portato sacchi pieni di tappi, già differenziati per tipo di materiale, dal sughero all’alluminio al ferro, e pronti per essere gettati nei rispettivi contenitori. Diversa sorte tocca invece ai tappi di plastica che la scuola devolverà in beneficienza ad una associazioneche si occupa assistenza oncologica e di ricerca scientifica contro il cancro e alla quale le aziende che ritirano la plastica riconoscono un corrispettivo in denaro per ogni tonnellata di tappi raccolta.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter