Condividi su facebook
Condividi su twitter
Alla sala Aldo Capitini giornata di educazione civica digitale con scuole, istituzioni, esperti e psicologi sul tema della tutela e protezione dei minori online
Cyberbullismo_Digipass_Marsciano_11022020

Scuole, istituzioni, esperti e psicologi insieme per riflettere sul ruolo attivo e responsabile di ciascuno per rendere internet un luogo più sicuro per i minori e promuovere l’uso consapevole del web. È l’obiettivo dell’incontro pubblico “Cyberbullismo: occhio in Rete” che si terrà al DigiPASS di Marsciano martedì 11 febbraio 2020 in occasione del Safer Internet Day, la giornata mondiale per la sicurezza in Rete istituita e promossa dalla Commissione Europea dal 2004.

L’evento, in programma dalle ore 9.00 alle 13.00 nella sala Aldo Capitini del Municipio, è un momento di educazione civica digitale rivolto in particolare alle studentesse e agli studenti dell’Istituto Omnicomprensivo Salvatorelli-Moneta, che parteciperanno all’iniziativa promossa dal DigiPASS Media Valle del Tevere in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Marsciano. Con loro ci saranno il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Perugia, Flaminio Monteleone, il Direttore dell’Ufficio Servizio Sociale Minorenni di Perugia, Patrizia Arbato, la psicologa e psicoterapeuta Rosella De Leonibus e Luca Russo, analista forense ed esperto in indagini informatiche. Presenti, per i saluti iniziali, la dirigente dell’Omnicomprensivo Michela Boccali e, in rappresentanza del Comune, il vicesindaco Andrea Pilati e gli assessori Dora Giannoni e Roberto Consalvi.

La mattinata sarà un momento di confronto sul cyberbullismo e sui principali aspetti legati alla sicurezza online dei minori, tema trattato attraverso contributi mirati, esperienze concrete, informazioni e consigli utili sull’uso corretto e responsabile della Rete, sugli interventi e le pratiche della Giustizia Minorile, sui meccanismi psicologici degli autori di atti di cyberbullismo e sulle conseguenze emotive per le vittime.

L’incontro dell’11 febbraio vuole anche essere un’occasione per valutare la possibilità di realizzare un progetto più ampio, da attuare nel corso dell’anno, attraverso incontri rivolti sia a studenti ed insegnanti che a genitori da coinvolgere in un percorso condiviso e co-progettato insieme a scuole, istituzioni ed associazioni della Media Valle del Tevere sui temi della sicurezza e consapevolezza digitale.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter