Condividi su facebook
Condividi su twitter
Il "ritardo" legato alla situazione di questi giorni, che limita spostamenti, incontri ed eventi pubblici: si ipotizza il suo saluto in occasione delle celebrazioni del Corpus Domini
sigismondi

Slitterà probabilmente di qualche settimana (o anche qualche mese, forse) l’insediamento del nuovo Vescovo della Diocesi di Orvieto-Todi, Monsignor Gualtiero Sigismondi, nominato di recente dal Pontefice. Il “ritardo” è ovviamente nella situazione di questi giorni, che limita spostamenti, incontri ed eventi pubblici. C’è chi ipotizza che la cerimonia di investitura possa avvenire in coincidenza con le celebrazioni del Corpus Domini ad Orvieto.

Nel frattempo, Monsignor Sigismondi, nel suo messaggio all’Azione Cattolica, in seguito alla sua conferma ad assistente ecclesiastico generale, ha affermato: “Con cuore libero e ardente mi dispongo a dirigermi verso Orvieto-Todi e con entusiasmo sincero continuo ad accompagnare la ‘famiglia grande e bella’ dell’Ac, la quale, come ha ricordato Papa Francesco a cui assicuro fedele obbedienza a nome di tutta l’associazione, è un dono e una risorsa per il cammino della Chiesa in Italia”.

“Nell’arco di pochi giorni il Santo Padre, confermandomi per un ulteriore triennio nel servizio di assistente ecclesiastico generale di Ac, mi ha chiesto di spostare i ‘paletti’ della mia tenda dalla diocesi di Foligno a quella di Orvieto-Todi. In entrambe le circostanze non ho indugiato a dire il mio ‘Fiat’, ma ho avuto bisogno di qualche pausa di silenzio per intonare il Magnificat”.

Soffermandosi sul trasferimento da Foligno a Orvieto-Todi, il vescovo afferma che “mi fa sperimentare che obbedire significa partire e partire vuol dire un po’ morire; la conferma come assistente generale mi invita a riconoscere che l’obbedienza non restringe ma allarga l’abbraccio”. “Le lacrime che l’obbedienza chiede, se distillate dalla gratitudine, accreditano il servizio pastorale con il dono di sé”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter