Condividi su facebook
Condividi su twitter
56 le persone in quarantena fiduciaria; i comportamenti messi in pratica stanno dando i risultati attesi
comunemarsciano2

Il nuovo aggiornamento dei contagi a Marsciano fotografa la situazione sul territorio comunale al 31 marzo 2020. Le persone che si sono ammalate di Covid-19 sono, in totale, 15. Di queste, tuttavia, solo 9, al momento, sono positive al coronavirus, e sempre 3 sono i ricoverati, uno a Città di Castello e due presso l’ospedale della Media Valle del Tevere a Pantalla. 56 le persone in quarantena fiduciaria.

Ben 6 sono, quindi, coloro in via di guarigione. “Queste 6 persone – spiega il sindaco Francesca Mele –non hanno più i sintomi legati alla malattia e sono risultate negative ad un primo tampone effettuato. Ora sono in attesa, come da protocollo medico, di effettuare un secondo tampone, il quale, nel caso di ulteriore negatività, confermerà l’avvenuta completa guarigione. Si trovano, naturalmente, ancora in quarantenae sotto sorveglianza medica. A tutti loro, ai malati, alle famiglie coinvolte ed in particolare ai tre ricoverati, torno ad augurare, a nome mio e di tutta la nostra comunità, di superarequanto prima possibilequesta fase critica”.

L’amministrazione comunale è costantemente in raccordo con le autorità sanitarie per monitorare l’evolversi dei contagi sul territorio. L’accertamento tempestivo della presenza di casi positivi permette anche il contenimento della diffusione del virus a tutela di tutta la popolazione.
“Certamente –sottolinea Francesca Mele –il grande lavoro che le istituzioni stanno facendo deve continuare a trovare la piena collaborazione dei cittadini. Guai ad abbassare la guardia. Siamo sempre tutti chiamati al rispetto stringente delle norme che limitano i nostri spostamenti e garantiscono quel distanziamento sociale che ad oggi resta l’unica vera arma che abbiamo per sconfiggere il coronavirus. È vero che c’è ancora qualcuno che fatica a rispettare le imposizioni in vigore, ma la quasi totalità dei marscianesi, con grande sacrificio, sta dimostrando un senso di responsabilità del quale tutti noi dobbiamo andare orgogliosi. I comportamenti messi in pratica stanno dando i risultati attesi. Continuiamo a restare a casa e presto inizieremo a uscire da questa emergenza”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter