Condividi su facebook
Condividi su twitter
Dall’incontro dei sindaci con i vertici regionali, non è scaturito niente di nuovo rispetto quanto già si sapeva e non sono state fissate date per il ritorno alla normalità dell’ospedale di Pantalla
ospedale pantalla

Nella giornata di ieri, tutti i sindaci dei Comuni della Media Valle del Tevere (Collazzone, Deruta, Fratta Todina, Marsciano, Massa Martana, Monte Castello di Vibio, San Venanzo, Todi), hanno avuto un incontro con la Presidente della Regione Donatella Tesei e con il Direttore Regionale alla Sanità Claudio Dario.

L’esito dell’incontro, possiamo dire che è stato scontato, ossia che fino al 31 luglio, data indicata dal Governo per la fine della fase di emergenza, tutto rimarrà come adesso, cioè con l’ospedale di Pantalla che continuerà ad essere indicato come Covid-Hospital.

La situazione è sicuramente seria per un territorio di 8 comuni e circa 60 mila persone, però è quasi inutile chiedere adesso, come si sente da più parti, che ci venga ridato indietro l’ospedale. Le valutazioni (e le proteste) sulle problematiche che questa situazione sta creando a tutto il territorio, andavano eventualmente fatte prima di concedere la struttura, come hanno fatto gli amministratori locali per l’ospedale di Branca, che si sono opposti alla trasformazione del loro ospedale.
Non si poteva pensare che Pantalla sarebbe tornato ad essere un ospedale normale dopo neanche due mesi, ancora in fase pandemica, quindi le polemiche attuali risultano alquanto sterili.

Questo comunque è il comunicato congiunto di tutti i sindaci della Media Valle del Tevere, con il quale rendono noti gli esiti dell’incontro.
“Dopo la richiesta dei Sindaci della Media Valle del Tevere, si è svolto oggi un proficuo incontro tra tutti i Sindaci, la Presidente della Regione Donatella Tesei e il Direttore Regionale alla Sanità Claudio Dario.
Oggetto dell’incontro è stata l’indicazione dell’Ospedale della Media Valle del Tevere come presidio COVID-19 e il futuro dello stesso nosocomio.

I Sindaci, in modo unitario, hanno ribadito alla Presidente la loro posizione di responsabilità e, contemporaneamente, di grande attenzione sulla struttura sanitaria di Pantalla. In buona sostanza, hanno chiarito che la destinazione a struttura COVID-19 del nostro ospedale non può che essere temporanea e senza che vi sia alcuna possibilità che permanga, se non nella fase di stretta emergenza.
Il futuro del nostro Ospedale dovrà essere quello di un rapido ritorno alla normalità e di un potenziamento, così come era stato deciso prima della crisi da Coronavirus.

La Presidente, supportata nei dati tecnici dal Direttore Dario, si è detta consapevole della importanza dell’Ospedale della Media Valle del Tevere, della sua strategicità futura e dell’impegno a farne uno dei centri di eccellenza della futura sanità umbra.
In relazione ai tempi per il ritorno alla normalità, tuttavia, non ha dato alcuna garanzia, ricordando che la fase di emergenza nazionale è stata decisa dal Governo fino al 31 Luglio 2020, salvo ulteriori proroghe.

Al momento, infatti, non sembra esservi nessuna certezza, in relazione agli effetti che si avranno da qui ad un mese, in seguito all’allentamento del Lock Down. Molti degli scenari che sono stati previsti, dai team tecnico scientifici, prevedono una diffusione della pandemia a livelli ben più gravi di quelli vissuti nel mese di marzo, con una rapida diffusione del virus dalla seconda metà di maggio.
Di fatto, quindi, pur concordando sulle richieste dei Sindaci, la Regione non ci ha dato alcuna certezza sui tempi e le modalità del ritorno ad una gestione ordinaria del nostro Ospedale.

Alla luce delle rispettive considerazioni, si è deciso di rinviare ogni ulteriore decisione ed approfondimento ad una successiva riunione, da effettuarsi entro la metà del mese di Giugno. A quella data, si avranno dati più certi in relazione agli scenari che saranno emersi dopo la fine del periodo di lock down e potranno essere assunte decisioni più consapevoli.

I Comuni della Media Valle del Tevere, in ogni caso, ribadiscono la necessità che la struttura ospedaliera di Pantalla non possa rimanere destinata a COVID-19 a tempo indeterminato, ribadendo la necessità che la Regione, nel caso in cui dovessero permanere i motivi di emergenza, individui un’altra struttura da destinare permanentemente a presidio COVID per l’Umbria”.

Anna Iachettini Sindaco di Collazzone
Michele Toniaccini Sindaco di Deruta
Gianluca Coata Sindaco di Fratta Todina
Francesca Mele Sindaco di Marsciano
Francesco Federici Sindaco di Massa Martana
Daniela Brugnossi Sindaco Di Monte Castello di Vibio
Marsilio Marinelli Sindaco di San Venanzo
Antonino Ruggiano Sindaco di Todi

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter